Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Hayley: no a uno scenario siriano per la situazione in Iran

© AFP 2021 / Jewel SAMADL'ambasciatore americano alle Nazioni Unite Nikki Haley
L'ambasciatore americano alle Nazioni Unite Nikki Haley - Sputnik Italia
Seguici su
L'ambasciatrice USA alle Nazioni Unite Nikki Haley alla riunione del Consiglio di Sicurezza per le proteste in Iran ha parlato del rischio di uno scenario siriano in Iran.

E ha invitato a non lasciare che questo accada.

"Il mondo è stato testimone degli orrori in Siria, iniziati perché il regime ha negato il diritto di un popolo a protestare pacificamente. Non dobbiamo permettere che ciò accada in Iran", si legge nella dichiarazione della Hayley. Un incontro del Consiglio di sicurezza dell'ONU  sull'Iran si terrà venerdì alle ore 15.00 su iniziativa USA.

Ciò che sta accadendo in Iran, secondo Haley, tocca la questione fondamentale dei diritti umani del popolo iraniano, ma è anche una questione di pace e sicurezza internazionale.

"Se un paese tenta di impedire lo svolgimento di questa riunione del Consiglio di Sicurezza, l'atto parla da sé. Così come il regime iraniano sta cercando di privare il popolo della possibilità di essere ascoltato", ha detto in una dichiarazione la diplomatica.

Nelle grandi città dell'Iran, tra cui Teheran, Mashhad, Isfahan e Rasht, il 28 dicembre sono iniziate le proteste di massa. Il presidente Hassan Rouhani ha detto che le proteste sono causate da problemi interni, ma anche dall'incitamento di altri stati. Secondo i media, le vittime dei disordini sono 20, circa 450 persone sono state arrestate negli ultimi giorni nella capitale. Successivamente, il presidente Donald Trump ha espresso rispetto per il popolo iraniano e ha promesso di sostenerlo "a tempo debito".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала