Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ricercatori rivelano l'influenza dell'amicizia sull'invecchiamento del cervello

© Humans of Moscow'We’ve been friends for four years already. But we are not best friends. We are just good reliable friends. I don’t really like when people call it being ‘best friends’, this kind of friendship exists only during school years, it’s totally different. I believe in women’s friendship. You cannot be friends with a man but can be friends with a woman.' “She has such a beautiful voice! When she’s singing I have goosebumps!” “And she can dance so cool, she’s been doing for fourteen years.” “All in all, we’re very close and it’s never boring when we are together!”
'We’ve been friends for four years already. But we are not best friends. We are just good reliable friends. I don’t really like when people call it being ‘best friends’, this kind of friendship exists only during school years, it’s totally different. I believe in women’s friendship. You cannot be friends with a man but can be friends with a woman.' “She has such a beautiful voice! When she’s singing I have goosebumps!” “And she can dance so cool, she’s been doing for fourteen years.” “All in all, we’re very close and it’s never boring when we are together!” - Sputnik Italia
Seguici su
Un gruppo di ricercatori della Northwestern University statunitense ha determinato che l'amicizia e le relazioni amichevoli con le persone possono ridurre significativamente il tasso di invecchiamento del cervello.

I ricercatori hanno studiato come funziona la memoria nei pensionati che hanno molti amici e nelle persone anziane meno socievoli.

L'esperimento ha coinvolto 31 persone di età compresa tra 80 e 96 anni con abilità cognitive eccezionali e 19 dei loro coetanei con valori medi sull'attività cerebrale. Gli scienziati hanno chiesto ai volontari di ricordare e nominare 15 oggetti mostrati loro. Come risultato dello studio, è emerso che i partecipanti al primo gruppo hanno dimostrato migliori capacità di memoria.

Successivamente tutti i partecipanti all'esperimento dovevano compilare un questionario. In particolare hanno risposto alle domande sui loro legami sociali, sul loro atteggiamento verso sè stessi e sul mondo che li circonda, sugli obiettivi della vita.

Gli scienziati hanno preso atto di una regolarità: più un soggetto aveva amici e la possibilità di comunicare maggiormente, tanto meglio aveva mostrato risultati positivi nel test di memoria.

Allo stesso tempo i ricercatori hanno osservato che la chiarezza della mente dipende da diversi fattori contemporaneamente: uno stile di vita sano, la nutrizione, l'attività fisica, il livello di interazione sociale con altre persone e l'atteggiamento verso sè stessi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала