Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Esperto: USA hanno buone ragioni per imporre sanzioni contro la Cina

© AP Photo / Ng Han Guan, PoolBandiere Cina e USA
Bandiere Cina e USA - Sputnik Italia
Seguici su
Gli USA non rischieranno di imporre sanzioni contro la Cina nonostante abbiano delle buone ragioni per farlo, ha dichiarato il direttore del Consiglio russo per gli affari esteri Ivan Timofeev.

Secondo l'esperto a Washington già da tempo si discute se imporre o meno delle sanzioni contro Pechino. "Ci sono molti motivi per imporre sanzioni contro la Cina. C'è malcontento tra gli americani nei confronti della politica della Cina nel Mar Cinese Meridionale e gli scandali informatici, compreso uno scandalo che coinvolge il furto di 20 milioni di dossier sui cittadini americani attribuito agli hacker cinesi" ha dichiarato Timofeev alla conferenza internazionale economica Russia e Cina: Sfide e prospettive di integrazione internazionale.

Nonostante questo è convinto che Washington non rischierò di imporre sanzioni contro la Cina.

"Prima di tutto l'economia cinese è abbastanza forte e diversificata che una risposta di Pechino verrebbe sentita dagli USA" ha indicato Timofeev.

Un altro fattore non meno importante secondo l'esperto è l'impossibilità di creare una coalizione internazionale di paesi che si accordino nell'imporre delle sanzioni contro la Cina.

"È stato possibile creare una tale coalizione contro la Russia, anche se molti di questi paesi impongono le sanzioni in maniere diverse. Una tale coalizione contro Pechino crollerebbe ancora prima che venga creata, semplicemente perché la Cina è un partner fondamentale per molti paesi" ha detto l'analista.

Inoltre ha sottolineato che sarebbe molto difficile ottenere un consenso del Congresso nell'imporre delle sanzioni contro la Cina. Timofeev ha osservato che la Cina guarda alle esperienze delle sanzioni contro la Russia e prepara delle contromisure in caso questo dovesse essere attuato anche nei suoi confronti.

"Alla luce di ciò, credo che sia prudente che la Russia e la Cina costruiscano partenariati nel settore finanziario, essendo aperti alla globalizzazione" ha detto l'esperto. "Ma è anche necessario tener conto dei rischi, in quanto gli strumenti finanziari possano essere utilizzati puramente per scopi politici ".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала