Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Turchia sta intensificando la sua presenza militare a Idlib

Seguici su
Militari e personale turco arrivano nella provincia di Idlib, dove continua il processo di creazione di punti di osservazione dell'esercito turco, in conformità con i trattati di Astana, riferisce l'agenzia Anadolu.

Ieri lo Stato maggiore turco ha riferito che i militari turchi hanno iniziato a creare dei punti di osservazione a Idlib nell'ambito degli accordi raggiunti ad Astana per le zone di de-escalation in Siria. Un altro convoglio con gli armamenti ha attraversato il punto di controllo nella zona di Reyhanli, nella provincia di Hatay in direzione di Atme.

Nella fase iniziale il contingente turco verrà dispiegato tra la provincia di Idlib e Afrin, controllata dalle forze di autodifesa curde siriane, considerate dai turchi un'organizzazione terroristica vietata nel paese. Secondo fonti militari dell'agenzia, nel quadro degli accordi con la Russia e l'Iran, l'occupazione militare della Turchia sarà effettuata in modo graduale, a partire dal nord di Idlib in direzione sud. Si presume che l'esercito turco creerà posti di blocco in più di 10 aree di Idlib.

Il conflitto armato in Siria è in corso dal marzo 2011. I negoziati per risolvere la crisi siriana si svolgono ad Astana e Ginevra. Ad Astana si svolgono i negoziati per gli aspetti militari degli insediamenti, da gennaio, si sono svolti già sei incontri. Il principale risultato dei negoziati è stato l'accordo per il monitoraggio e della modalità di cessazione delle ostilità in Siria firmato dai paesi garanti, ovvero la Russia, la Turchia e l'Iran, e un  memorandum sulla creazione di zone di de-escalation in Siria.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала