Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ambasciata russa in Regno Unito risponde a giornalista Times che critica i razzi Soyuz

© REUTERS / Shamil ZhumatovThe Soyuz MS-02 spacecraft carrying the crew of Shane Kimbrough of the U.S., Sergey Ryzhikov and Andrey Borisenko of Russia blasts off to the International Space Station (ISS) from the launchpad at the Baikonur cosmodrome, Kazakhstan, October 19, 2016.
The Soyuz MS-02 spacecraft carrying the crew of Shane Kimbrough of the U.S., Sergey Ryzhikov and Andrey Borisenko of Russia blasts off to the International Space Station (ISS) from the launchpad at the Baikonur cosmodrome, Kazakhstan, October 19, 2016. - Sputnik Italia
Seguici su
L'ambasciata russa in Regno Unito ha risposto ironicamente al giornalista britannico Gilles Wittell, il quale ha criticato la tecnologia spaziale russa.

Wittell ha scritto per il Times un reportage dedicato al primo astronauta britannico a bordo della Stazione Spaziale Internazionale Tim Peeke. In un'intervista, Peeke ha confessato di essere "un grande fan di Baikonur o, per lo meno, delle tecnologie sovietiche", il che non è passato inosservato al giornalista.

"Dai tempi del communismo non è praticamente cambiato nulla in quello che i russi usano per andare nello spazio. Hanno migliorato il computer sul loro migliore razzo, il Soyuz, ma rimane comunque meno potente di un Iphone" scrive Wittell.

L'ambasciata russa a Londra ha risposto alla dichiarazione del giornalista con un post su Twitter.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала