Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

I giornalisti del New York Times sono stati invitati a visitare la Crimea

© Sputnik . Sergey Malgavko / Vai alla galleria fotograficaInverno in Crimea
Inverno in Crimea - Sputnik Italia
Seguici su
Il vice-premier del governo della Crimea Georghij Muradov ha invitato i giornalisti del New York Times a visitare la Crimea.

L'invito è stato fatto dagli uffici del centro stampa Rossija Sevodnija a Mosca, durante uno streaming da Simferopol. Il vice premier ha parlato di una pubblicazione del 25 settembre, un dossier dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani sulle violazioni commesse in Crimea.

"Invito tutti i giornalisti presenti, tra cui il New York Times, a visitare la Crimea" ha detto Muradov, secondo cui i giornalisti possono visitare la penisola in occasione della conferenza internazionale, che si terrà a novembre. "Abbiamo già parlato con i giornalisti di giornali dei paesi occidentali, hanno imparato molte cose interessanti. Anche voi le imparerete" ha promesso il vice-premier.

In precedenza Muradov ha riferito, che a novembre, in Crimea, si terrà la conferenza "la Crimea nell'attuale contesto internazionale", nell'ambito della quale si terrà un forum di amici della Crimea. È prevista la partecipazione di noti politici e sindaci provenienti da diversi paesi del mondo.

In relazione al monitoraggio della missione dell'ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani sulla situazione dei diritti umani in Ucraina, si afferma che i diritti umani in Crimea sono stati compromessi dopo la sua adesione all Russia. Il documento copre il periodo dal 22 febbraio 2014 al 12 settembre 2017. Il rapporto si concentra sulla situazione dei diritti umani nella Crimea russa, che nel dossier chiamano territorio ucraino, "temporaneamente occupato dalla Federazione Russa". La missione sottolinea che non ha avuto accesso al territorio della Crimea e la sua valutazione sulla situazione dei diritti umani nella penisola è stata condotta da remoto, dall'Ucraina.

Il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov ha riferito che la Russia non ha ancora familiarità con il contenuto della relazione. Il deputato della Duma di stato della regione della Crimea Ruslan Balbek ha definito il rapporto "diploma Filkin", le autorità della Crimea hanno chiesto alle Nazioni Unite obiettività e di vietare missioni con segnalazioni non verificate. Lo hanno definito discutibile e "francamente ridicolo". Il presidente del comitato del Consiglio della Federazione per la legislazione costituzionale Andreij Klishash a sua volta, ritiene che lo scopo della relazione sia riprendere il dibattito sullo status della Crimea.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала