All'ombra delle Makarov

© Sputnik . Aleksandr KondratukPistole russe
Pistole russe - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Ecco la pistola poco conosciuta delle forze di sicurezza russe.

Questa settimana in Russia, il gruppo di Kalashnikov ha ufficialmente presentato la nuova pistola automatica di 9 mm chiamata PL-15K.  L'arma pesa solo 700 grammi, ha una capacità di 14 di cartucce di calibro 9x19 millimetri, ha una impugnatura ergonomica e di elevata affidabilità. L'azienda ha sottolineato che la pistola può diventare una vera e propria sostituzione della leggendaria PM, in uso dal lontano 1951. Non c'è dubbio, la Makarov è un'ottima arma, ma può contenere solo nove cartucce. Tuttavia non è l'unica pistola delle forze di sicurezza. Sputnik pubblica una selezione meno famosa delle armi corte di fabbricazione russa con eccellenti caratteristiche di combattimento.

La più silenziosa

La pistola automatica speciale PSS è stata adottata dalle forze speciali sovietiche nel 1983. E' silenziosa e colpisce fino a 50 metri. In questo le PSS funzionano anche senza silenziatore, hanno dimensioni molto compatte: 170 millimetri. La caratteristica principale della pistola è che è stata esclusivamente creata per le cartuccie SP-4, di 7,62х41,5 millimetri, con una meccanica di azione interessante. Tra la carica e i proiettili delle cartucce c'è un pistone. Quando spara, la polvere colpisce il pistone che spinge il proiettile dalla canna in pozzetti. In questo modo, i gas della polvere rimangono all'interno del manicotto, che elimina quasi del tutto il rumore da tiro. La capacità del caricatore PSS è di sole sei cartucce, ma per l'esecuzione dell'attività va bene, si può ricaricare in maniera silenziosa. Secondo alcune indiscrezioni, proprio con questa pistola, i combattenti delle forze speciali dell'FSB nel marzo 2000, hanno eliminato le guardie del corpo del terrorista ceceno Salman Raduyev prima di arrestarlo.

La più versatile

La OTS-27 Berdish della fabbrica di Tula è usata dal Ministero degli Interni della Russia dal 2002, anche se è stata originariamente progettata per le Forze Armate. La caratteristica di questa pistola è di essere "onnivora". Può sparare cartucce del calibro 9х18 millimetri, 9x19 mm Parabellum e 7,62х25 millimetri TT. Per fare questo, è sufficiente cambiare lo sgancio rapido della canna. Le forze dell'ordine, con un arsenale di munizioni abbastanza variegato, l'hanno scelta per questo. In particolare, l'unità organizzativa della vigilanza privata e i pubblici ministeri e investigatori della procura, la usano come arma di autodifesa. Nel dicembre 2005 la OTS-27 è stata premiata.

La più compatta

La N-96M della fabbrica di Tula è prodotta su grande scala e non sarebbe andata così se non fosse stata adottata dal servizio federale degli ufficiali giudiziari nel 2003. Tuttavia questa pistola è molto interessante per le sue caratteristiche tecniche. La sua lunghezza è di soli 150 millimetri, pesa meno di 500 grammi. Ha una capacità di 14 cartucce calibro di 9х18 millimetri. La N-96M è ottima per il trasporto segreto. È noto che, oltre agli ufficiali giudiziari, queste armi sono usate dagli investigatori della procura, così come da un certo numero di unità della polizia criminale del Ministero dell'Interno russo.

La più perforante

Nel dicembre 1996 le forze speciali dell'FSB e FSO hanno iniziato a usare le pistole CP-1 con cartucce SP-10, sviluppate sulla base della pistola automatica Serdyukov, le ATP. Un abile tiratore è in grado di colpire con l'arma un bersaglio a una distanza di 100 metri, fermare veicoli e perforare a distanza ravvicinata tutti i tipi di giubbotti antiproiettile, grazie all'utilizzo di una speciale cartuccia del calibro 9х21 millimetri, con un proiettile perforante. A 50 metri di distanza è in grado di perforare un giubbotto antiproiettile di classe IIIA, con lamiera di acciaio di spessore di cinque millimetri o in titanio di spessore 2,4 mm. In Russia nessun'altra arma corta può farlo. Inoltre, per questa pistola sono state successivamente sviluppate cartucce СП11, pallottole espansive delle СП12 e proiettili traccianti delle СП13. Nel 2003 l'ATP è entrata in servizio delle forze speciali dell'esercito.

La più "carica"

Una delle caratteristiche principali della GSH-18, prodotta nella fabbrica di armi di Tula, è il suo record di capienza, di ben 18 colpi. Il doppio rispetto alla PM. La struttura della pistola è realizzata in poliammide rinforzato con acciaio, ciò ha diminuito il suo peso e ha abbassato il rinculo attraverso le proprietà di smorzamento della plastica. Nel 2000 la GS-18 è stata adottata delle forze speciali del Ministero della Giustizia russo, nel 2001 è entrata in servizio delle Forze speciali e in particolari categorie del personale del Ministero degli Interni russo, nel 2006 nel Servizio Federale degli ufficiali giudiziari, ma non nelle Forze Armate, l'arsenale dell'esercito ha cartucce di calibro 9x19 mm.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала