Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Fonte: il 14 settembre l’UE proroga sanzioni individuali contro cittadini russi

© AP Photo / Virginia MayoSede dell'UE a Bruxelles
Sede dell'UE a Bruxelles - Sputnik Italia
Seguici su
L’Unione Europea il 14 settembre prorogherà le sanzioni individuali per altri sei mesi contro i cittadini e le persone giuridiche di Russia e Ucraina, potrebbero esserci cambiamenti tecnici nella lista, ha comunicato a RIA Novosti un diplomatico europeo.

"La proroga verrà approvata all'incontro del Consiglio per gli affari interni del 14 settembre. Il lavoro tecnico è già in corso, questa settimana la decisione dovrebbe passare attraverso il Comitato dei rappresentanti permanenti, mentre al 14 settembre tutto dovrà essere pronto per essere adottato dal Consiglio" ha detto l'interlocutore anonimo all'agenzia.

Alla domanda se le sanzioni verranno prolungate come al solito la fonte ha detto: "Si, non credo ci saranno cambiamenti".

A detta sua la composizione degli imputati nella lista potrebbe leggermente cambiare, non per ragioni politiche, ma per ragioni di natura tecnica. "Sono possibili modifiche tecniche, ad esempio il decesso di una delle persone sanzionate" ha detto il portavoce.

Secondo il regolamento UE la decisione riguardo le sanzioni all'incontro dei ministri non-core prevede che le sanzioni verranno prorogate senza discutere il punto "A".

Le sanzioni individuali contro i cittadini russi e ucraini imposte dall'UE a causa del reintegro della Crimea sono entrate in vigore a marzo 2014 e da allora vengono prolungate ogni sei mesi. La lista viene costantemente ampliata a spese dei cittadini dell'Ucraina, dei governanti e funzionari delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e contro politici e personaggi pubblici russi, nonché contro persone giuridiche. L'ultima volta che l'elenco è stato ampliato, il 4 agosto, sono stati inseriti tre cittadini, compreso il vice capo del Ministero dell'Energia, e tre persone giuridiche della Russia a causa di uno scandalo riguardo la consegna di turbine di produzione Siemens in Crimea.

In questo momento le sanzioni sono in vigore contro 153 persone e 40 persone giuridiche.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала