Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Islamista riconosciuto colpevole di danni per un importo di 2,7 milioni di euro

© AFP 2021 / SÉBASTIEN RIEUSSECA man stands in front of the Djingareyber mosque on February 4, 2016 in Timbuktu, central Mali.
A man stands in front of the Djingareyber mosque on February 4, 2016 in Timbuktu, central Mali. - Sputnik Italia
Seguici su
La corte internazionale dell’Aia ha condannato un islamista responsabile di aver provocato danni per una somma di 2,7 milioni di euro per la distruzione di un mausoleo a Timbuktu. L’islamista, Akhmad al-Makhdi appartiene al gruppo “Ansar ad-Din”.

Timbuktu è una città situata al confine con il deserto del Sahara, è chiamata la città dei "333 santi". Nella città sono situati decine di mausolei e tombe dei governanti e scienziati del XV e XVI secolo. 16 di questi appartengono al Patrimonio dell'UNESCO. Gli archeologi pensano che i monumenti siano a rischio in quanto vengono ricoperti dalla sabbia portata dal vento del deserto. Ma il pericolo della sabbia non è tanto terribile quanto il fanatismo religioso. La distruzione dei radicali sunniti è stata spinta da controversie di lunga data con i sufi che adorano non solo Allah, ma anche i santi.

Dopo la liberazione di Timbuktu dagli islamisti a gennaio 2013, gli specialisti hanno avviato il restauro dei monumenti danneggiati.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала