Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"Sanzioni americane influenzano sempre meno l'economia russa"

© Sputnik . Aleksandr Kondratuk / Vai alla galleria fotograficaIndustria russa
Industria russa - Sputnik Italia
Seguici su
L'economia russa si è sostanzialmente adattata alle sanzioni degli Stati Uniti, ogni nuova estensione delle misure punitive di Washington impatta sempre di meno la stabilità del sistema finanziario russo, ritiene l'analista capo della società di rating russa ACRA Natalia Porokhova.

"Le sanzioni contro l'economia russa sono in vigore da ormai 3 anni e ogni nuova espansione di queste misure impatta sempre di meno la stabilità finanziaria dell'economia russa, in quanto c'è stato un adattamento sostanziale alle sanzioni", — ha dichiarato la Porokhova a Sputnik.

In precedenza la Camera dei Rappresentanti aveva approvato il disegno di legge per inasprire le sanzioni contro la Russia, così come l'Iran e la Corea del Nord.

"Negli ultimi giorni la notizia sulle sanzioni ha influenzato l'indebolimento del rublo, ma se si guarda la dinamica dell'indice ACRA sullo stress finanziario (ACRA FSI), che prende in considerazione l'intera gamma di indicatori che caratterizzano la stabilità finanziaria del mercato russo, nell'ultimo periodo i suoi valori si attestano ai livelli pre-crisi," — ha rilevato la Porokhova, sottolineando che le nuove sanzioni interessano ancora una volta i due settori più importanti dell'economia russa: il sistema bancario (accorciamento dei tempi di finanziamento delle banche) e il settore energetico (petrolio e gas).

Inoltre l'analista ha osservato che "le nuove misure e sanzioni possono seriamente complicare la realizzazione di progetti in Europa, per questo motivo l'Unione Europea si è opposta all'appesantimento delle sanzioni contro il settore energetico russo e proprio oggi si svolgerà una riunione ad hoc su questo tema a Bruxelles."

In precedenza anche i colossi energetici americani si erano opposti alle norme che limitano la partecipazione delle società russe ai progetti d'investimento infrastrutturali. In base alla nuova versione del disegno di legge americano, si vanno a colpire i progetti in cui la quota delle società russe supera il 33%. Le banche russe potranno ottenere inoltre prestiti di liquidità dagli istituti di credito americani per un massimo di 14 giorni dai precedenti 30.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала