Ministero della Difesa ha riferito degli accordi sulla zona di de-escalation a Ghuta

© AFP 2022 / Aris MessinisAttacco aereo della coalizione in Siria (foto d'archivio)
Attacco aereo della coalizione in Siria (foto d'archivio) - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Un accordo per la distensione a Ghouta est in Siria è stato firmato dopo i negoziati condotti al Cairo tra il ministero della Difesa russo e l'opposizione siriana, con la mediazione della controparte egiziana.

I documenti definiscono i confini della zona di de-escalation, dell'area di distribuzione delle forze di controllo e poteri, nonché i percorsi di consegna degli aiuti umanitari alla popolazione e il libero passaggio dei residenti.

Il primo convoglio umanitario e la rimozione dei feriti sono in programma nei prossimi giorni, ha sottolineato il ministero.

A maggio, la Russia, la Turchia e l'Iran hanno firmato ad Astana un memorandum sulla creazione di zone di de-escalation in Siria facendo da garanti. La definizione dei confini di queste aree, così come la soluzione del problema di controllo e monitoraggio dell'applicazione del regime del cessate il fuoco, era la questione chiave dell'ultimo round di negoziati tenuti ad Astana ai primi di luglio. Le parti hanno discusso dell'introduzione di zone di de-escalation a Ghuta, Idlib e Homs.

C'è in corso un lavoro tra Russia, USA e Giordania per la creazione di una zona simile a sud del paese, che comprende le aree di Deraa, Quneitra e Suveida. Come ha detto venerdì il ministro russo degli esteri Sergei Lavrov, i principali parametri sono già stabiliti, bisogna definire i dettagli.

 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала