In Gran Bretagna cresciuto drammaticamente il numero di crimini a sfondo razziale

Seguici suTelegram
Una crescita senza precedenti dei reati legati all'odio religioso e razziale si osserva nel Regno Unito dal momento del referendum sulla Brexit del giugno di un anno fa, scrive l'Indipendent.

Secondo le statistiche della polizia britannica, negli 11 mesi successivi al referendum che ha sancito l'uscita del Paese dell'Unione Europea il numero di questa categoria di crimini è aumentato del 23% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, passando da circa 40.700 casi a 49.900.

La più grande crescita di questi reati si è registrata nella contea di Gwent, nel Galles: l'aumento ha raggiunto il 77%. Un incremento significativo si osserva anche nelle contee del Kent, Warwickshire e Nottinghamshire.

Le comunità religiose e le organizzazioni che rappresentano gli stranieri nel Regno Unito allo stesso tempo denunciano la crescita nel Paese della discriminazione religiosa ed etnica, invitando il governo a prendere provvedimenti immediati e rivedere il suo approccio per questi crimini.

"Sappiamo che gli eventi nazionali e internazionali possono innescare un aumento nel breve termine di crimini legati all'odio, lo abbiamo visto dopo il referendum dello scorso anno. La polizia ha mostrato un approccio risoluto rispetto a questi crimini", — ha detto il rappresentante del consiglio dei capi delle polizie del Regno Unito.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала