Medvedev ha esortato i leader mondiali a creare "un'unica, sicura Europa"

© Sputnik . Aleksandr Astaphiev / Vai alla galleria fotograficaIl primo ministro russo Dmitry Medvedev
Il primo ministro russo Dmitry Medvedev - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Il primo ministro russo Dmitry Medvedev in una cerimonia di addio per l'ex cancelliere federale tedesco Helmut Kohl ha detto che le contraddizioni europee impediscono la creazione di una "casa comune" e ha esortato i leader mondiali.

"Il muro di Berlino da tempo è stato smantellato per i souvenir. Ma i suoi frammenti ideologici sono ancora sparsi per il mondo. Dobbiamo riconoscere che oggi, a causa delle nostre contraddizioni, siamo purtroppo, abbastanza lontani dal sogno di una casa comune" ha detto Medvedev alla cerimonia di addio a Strasburgo.

Medvedev ha sottolineato che "un'unica, sicura, prospera Europa è il nostro obiettivo comune".

"Helmut Kohl nei momenti più difficili ha dimostrato che questo obiettivo è realizzabile. Essere degni eredi del suo lavoro è responsabilità di tutti leader mondiali" ha detto, aggiungendo che Kohl "pensava e agiva a livello europeo e globale: sognava non solo una sola Germania, ma anche un'Europa sola. La Russia ne era parte integrante".

"Era il sogno di una casa comune, senza muri e filo spinato, senza paura, senza ostilità, che dividono il continente e il mondo intero. Il sogno di tranquillità e sicurezza per tutti. Quando prima delle nazioni, confini e degli Stati viene l'uomo, le sue idee e, naturalmente, i valori comuni, la cooperazione e la fiducia" ha detto Medvedev.

Medvedev ha sottolineato che "per la creazione di questa casa comune è impossibile mettere un punto, dire che tutto è finalmente perfetto. Per questo bisogna impegnarsi ogni giorno e cooperare insieme".

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала