Cittadino britannico rischia il carcere per sostegno al Donbas

© AFP 2022 / Aleksey FILIPPOVPosto di blocco dei paramilitari ucraini nel Donbass
Posto di blocco dei paramilitari ucraini nel Donbass - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Benjamin Stimson rischia il carcere per il sostegno che ha dato ai miliziani del Donbass, scrive il Times.

Stimson, 41 anni, ha trascorso quattro mesi nel 2015 in Donbass. Ad ottobre 2015 ha rilasciato un'intervista alla Bbc, in cui si diceva orgoglioso di quello che aveva fatto. Stimson sperava di ottenere la cittadinanza russa e iniziare una nuova vita in Donbass. "Non sono un terrorista, non sono come questi jihadisti, che vanno in Siria" ha detto.

Dopo l'intervista Stimson è tornato a Manchester ed è stato arrestato autorità del Regno Unito perché accusato di "avere l'intenzione di commettere atti di terrorismo, essendo un membro di un gruppo paramilitare avverso al governo dell'Ucraina". Da qui è nata l'accusa di "intenzione di compiere un attentato". 

Le autorità ucraine ad aprile 2014 hanno iniziato un'operazione militare contro le repubbliche autoproclamate della LNR e DNR, che hanno dichiarato indipendenza dopo il colpo di Stato in Ucraina a febbraio 2014. Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, le vittime del conflitto sono diventate più di 10mila.

La regolarizzazione della situazione in Donbas è stata discussa durante l'incontro a Minsk del gruppo di contatto, da settembre 2014 ci sono già tre documenti che disciplinano la procedura di de-escalation del conflitto. Tuttavia, anche dopo gli accordi di armistizio, tra le parti in conflitto avvengono scontri a fuoco. 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала