Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Perché la NATO è in Montenegro? Non a causa della sua potenza militare

© Sputnik . Vasily RakshaUn murale anti-NATO in Montenegro
Un murale anti-NATO in Montenegro - Sputnik Italia
Seguici su
"Alla fine della scorsa settimana il parlamento del Montenegro ha votato per l'adesione alla NATO, che ha portato all'annessione più inutile, dal punto di vista militare, di un membro dell'alleanza" scrive l'editorialista di Bloomberg View, Leonid Bershidsky.

Il Montenegro ha il secondo esercito più piccolo dell'alleanza dopo il Lussemburgo e non spende il 2% del PIL richiesto per la difesa, osserva l'autore. Quando l'annessione del Montenegro è stato discussa per la prima volta, alcuni analisti hanno sottolineato che questo darà completa "disposizione" alla NATO di tutta la costa Adriatica. "Ma, anche se l'Italia fosse l'unico membro della NATO sul mare Adriatico, il limitato spazio marittimo diventerebbe una trappola mortale per tutte le forze dell'aggressore" scrive il giornalista.

"Oltre all'assoluta mancanza di importanza militare del Montenegro, anche la sua popolazione non è troppo ottimista verso l'adesione alla NATO" si legge nell'articolo. "Una significativa parte della popolazione del paese, serba, guarda all'alleanza con apprensione e magari preferirebbe avere a che fare con la Russia. Le idee popolari panslaviste hanno favorito l'espansione economica della Russia negli ultimi 10 anni" scrive l'autore. "Quasi un terzo delle aziende e il 40% di tutti gli immobili appartengono ai russi e un terzo degli investimenti diretti del paese è russo".

"Il governo del Montenegro insiste sul fatto che i cittadini della Russia hanno partecipato al tentativo di colpo di stato dello scorso anno, ma è stata una cospirazione amatoriale, organizzata da un gruppo di persone che vuole apparire vicina al Cremlino ma non lo è. La linea ufficiale si basa sul fatto che la Russia non può vietare al Montenegro l'adesione alla NATO" dice l'autore. Per la Russia e per la NATO stessa, il vero problema è la possibilità di un ulteriore allargamento della NATO nei paesi post-sovietici. 

"In questa strana danza sia la NATO che la Russia conoscono a vicenda i limiti del proprio coraggio" si legge nell'articolo. La Russia non farà in Montenegro un'operazione in stile Crimea e la NATO non saprà ignorare "conflitti congelati", organizzati dalla Russia in Moldavia, Georgia e Ucraina, che impediscono ai paesi di entrare nell'alleanza, scrive l'autore. "Adottando il Montenegro tra i loro ranghi, la NATO dice ai  paesi aspiranti di non mollare, perché il loro tempo può ancora venire. Pestandole il piede, Mosca dice lo stesso alla NATO ricordando che è un sogno impossibile" conclude l'autore.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала