Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Fake news, per controllarle l'Italia si affida alla CIA

© SputnikPinocchio in una riproduzione russa
Pinocchio in una riproduzione russa - Sputnik Italia
Seguici su
Noi italiani ci lamentiamo spesso dei nostri politici e li giudichiamo incapaci, nullafacenti e interessati solo ai loro propri interessi. Ora sappiamo che, almeno qualche volta, sanno fare eccezione.

Proprio ieri, pur attraverso un infuocato dibattito che mancava poco si trasformasse in rissa, e' stata approvata una legge che, finalmente, porra' fine alla marea di notizie false che ci perseguitano ogni giorno. Sappiamo tutti, e la stampa stessa se ne e' occupata recentemente, che tra le informazioni che ci arrivano quelle false sono purtroppo la maggioranza.

Esibizione di lotta pugno a pugno nel parco russo di Izmaylovo - Sputnik Italia
Fake news del Mirror, il Carnevale russo diventa allenamento per uccidere
Non si tratta necessariamente di notizie del tutto inventate (spesso c'e' anche qualcosa di vero), ma il modo di raccontarle e gli accenti su di un particolare o su di un altro sono costruiti in modo che la verita' dei fatti venga nascosta oppure che il lettore (o l'ascoltatore) sia portato a credere una cosa anziche' l'altra. Negli Stati Uniti si e' visto recentemente come notizie di dubbia verita' abbiano potuto influenzare le elezioni presidenziali riuscendo a convincere migliaia di elettori che, ad esempio, la signora Clinton fosse una guerrafondaia, che fosse stata anche lei a favorire lo scoppio dell'instabilita' in Libia e che alla sua politica estera fosse imputabile il peggioramento dei rapporti con la Russia.

Qualcuno e' arrivato perfino a dimostrare (sic!) che avesse ricevuto soldi per la sua campagna elettorale dall'Arabia Saudita e da altri Stati stranieri. Come se lei fosse stata una persona disponibile a violare le leggi americane!

Al contrario, noi sappiamo che Hillary e' una politica dal carattere molto moderato, dedita solamente al bene pubblico del suo Paese, scevra di alcuna ambizione personale e desiderosa di portare pace nel mondo. Magari quella "americana", ma comunque pace. Ebbene qualcuno, influenzato da "fake news",  e' stato convinto a credere il contrario e ha votato per il suo antagonista.

Fake news - Sputnik Italia
Nasce in Italia la rivolta organizzata contro le fake-news del mainstream
Per fortuna, almeno in Italia, questo non accadra' piu'.

La legge appena approvata mette al bando le notizie false e punisce severamente, con anni di prigione, chi le diffonde.

L'acceso dibattito non ha riguardato il principio, su cui tutti erano d'accordo, bensi' il modo per identificarle.

I Cinque Stelle, sicuramente la formazione piu' tecnologicamente avanzata, aveva proposto che a valutare la veridicita' di quanto scritto (o detto, in radio o in TV) fosse una libera votazione sul web, aperta a chiunque (perfino agli elettori degli altri partiti).

I Diessini, probabilmente meno avvezzi all'uso dei moderni strumenti di comunicazione, si sono opposti ferocemente pretendendo, invece, che fosse creato un apposito tribunale dedicato soltanto a quello specifico scopo. Estremisti come sempre, ma per una volta d'accordo tra di loro, sia la sinistra dissidente sia i nostalgici di destra hanno concordato con i Diessini,purche' la verifica del Tribunale speciale fosse preventiva ad ogni diffusione di notizie. Accusati ingiustamente di voler reintrodurre una specie di censura hanno dovuto ritirare la loro proposta.

Alla fine e' passata la soluzione di compromesso proposta dai centristi di Forza Italia e di quello che fu lo NCD: sara' un Ente sovrannazionale a valutare per conto nostro la veridicita' delle notizie volta per volta oggetto della pubblica informazione.

In Italia sara' costituito un piccolo gruppo di esperti, giornalisti e avvocati (circa trenta persone), che avra' il solo compito di segnalare all'Ente sovrannazionale le notizie giudicate sospette. Tale Ente sara' composto da cinquanta personalita' scelte tra giornalisti, avvocati e agenti della CIA e del M5 inglese (quello di James Bond) e avra' totale liberta' di indagine e azione.

Si spera che, una volta entrata in vigore questa legge, si finisca con le fake news e si torni, finalmente, a quello che il giornalismo italiano e' sempre stato: una fonte obiettiva, sicura e al di sopra di ogni faziosita'.

 

Gentili lettori, ricordiamo a tutti che questo articolo viene pubblicato in data 1° aprile.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала