Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Omicidio Kim Yong-nam, la famiglia teme le ritorsioni del dittatore nordocoreano

© AFP 2021 / Jung Yeon-JeKim Jong-nam, fratello del leader nordcoreano ucciso in Malesia
Kim Jong-nam, fratello del leader nordcoreano ucciso in Malesia - Sputnik Italia
Seguici su
Il corpo imbalsamato di Kim Jong-nam – fratellastro del leader nord coreano Kim Jon-un e assassinato all’aeroporto di Kuala Lumpur – giace presso l’obitorio della capitale malese da oltre un mese, mentre la verità sulla sua morte sembra irraggiungibile.

Le autorità malesi avevano fissato un termine di tre settimane entro il quale i familiari del deceduto avrebbero dovuto richiedere la salma. In caso di mancata richiesta, Kuala Lumpur avrebbe proceduto arbitrariamente al seppellimento del corpo. Oppure potrebbero scambiarlo con il rilascio di nove malesi detenuti in Corea del Nord.

Vista la ferocia con cui il dittatore nordcoreano tratta i dissidenti — o presunti tali —, anche quelli che sono suoi parenti diretti (lo zio di Kim Jong-un, per esempio, è stato giustiziato per motivi ancora non del tutto chiari), nessuno a finora rivendicato la salma. Kim Han-sol, figlio ventiduenne di Kim Jong-nam, dopo l'assasinio del padre è volato in Malesia per l'identificazione del cadavere. In un video pubblicato dal sito Cheollima Civil Defense il giovane Kim dichiara che il padre è stato ucciso e che lui si trova con la madre e la sorella in un luogo segreto.

"Se suo figlio sia in pericolo, dipende da chi e che cosa ha ucciso Kim Jong-nam. Ci sono argomenti che portano al coinvolgimento tanto del Nord quanto del Sud. Se si da ascolto alla paranoia per Kim Jong-un o alla provocazione, allora il figlio è davvero in pericolo. Se lo scopo di questo omicidio è la demonizzazione massima della Corea del Nord e provocare la comunità internazionale alle azioni militari, la posta in gioco è alta e gli organizzatori di questo atto non si fermeranno davanti a nulla. Non credo che Seoul possa esserne capace, ma alcune forze nel paese lo sono. Forse non sapremo mai la verità. Ma, a mio parere, questa verità è comunque sgradevole", ha detto a Sputnik l'esperto russo del Centro di ricerca sulla Corea IDV Konstantin Asmolov.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала