Per Assad “la Russia è l'unica forza seria che combatte efficacemente ISIS”

© AFP 2022 / LOUAI BESHARAIl presidente siriano Bashar al-Assad.
Il presidente siriano Bashar al-Assad. - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
In un'intervista con il canale Phoenix di Hong Kong, il presidente siriano Bashar Assad ha definito la Russia l'unica forza seria che combatte in modo efficace lo “Stato Islamico" in Siria.

Allo stesso tempo Assad ha aggiunto che la lotta al terrorismo non può essere solo locale e limitarsi all'ISIS.

"Non si può combattere il terrorismo localmente, deve essere una lotta globale, non parziale e temporanea. Non può essere fatta dal cielo, occorre cooperare con le truppe sul terreno, per questo la Russia ha avuto successo, dal momento che appoggia l'esercito siriano," — ha detto il presidente siriano.

Per quanto riguarda le prospettive di cooperazione con la nuova amministrazione americana, il presidente siriano non vede alcuna opportunità tra la Siria e gli Stati Uniti per la mancanza di contatti ufficiali.

Inoltre Assad non crede che la presenza delle truppe statunitensi, definite "forze di occupazione", contribuisca a sconfiggere il Daesh.

"Non ci sono mai riusciti in nessun luogo dove hanno mandato l'esercito, hanno solo creato problemi. Sono molto bravi a creare problemi e distruggere, ma non sono molto adatti a trovare soluzioni," — ha osservato il presidente siriano.

Bashar Assad ha dichiarato di non aver mai pensato di lasciare il Paese in guerra per salvare sé stesso e la sua famiglia.

"Non l'ho mai pensato in 6 anni. Voglio dire che i momenti più difficili sono passati. Era nel 2012 e nel 2013. Anche allora non ci avevo mai pensato, come posso pensarci adesso?"

Secondo Assad, all'inizio della guerra molti siriani non avevano chiaro il quadro di quello che stava accadendo nel Paese e credevano "nella propaganda occidentale".

Ora la liberazione di Raqqa dai terroristi dello "Stato Islamico" sarà una priorità delle forze armate siriane, tuttavia non significa che le altre città non sono un obiettivo importante.

"Siamo ormai vicini a Raqqa. Ieri le nostre truppe hanno raggiunto il fiume Eufrate, molto vicino alla città. Raqqa è ora una roccaforte dell'ISIS, pertanto è una priorità per noi, ma questo non significa che le altre città sono meno importanti. Le nostre operazioni potrebbero realizzarsi in parallelo," — ha sottolineato Assad.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала