Kiev valuta le perdite dal blocco del Donbass e accusa la Russia

© REUTERS / Valentyn OgirenkoIl primo ministro ucraino Vladimir Groisman
Il primo ministro ucraino Vladimir Groisman - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
A seguito del blocco del Donbass, l'industria metallurgica e il settore minerario dell'Ucraina possono perdere fino a 3,5 miliardi di dollari di entrate di valuta estera, ha dichiarato il primo ministro ucraino Vladimir Groisman al canale televisivo "Inter".

Inoltre, secondo il premier, 75mila persone perderanno il posto di lavoro.

Groisman è convinto che le imprese metallurgiche e le miniere che si trovano nel Donbass appartengono a Kiev, in quanto sono registrate e pagano le tasse in Ucraina.

Allo stesso tempo il premier ha dichiarato che la Russia avrebbe i propri interessi in questa situazione.

"Non c'è dubbio. Sottolineo che questo blocco è nell'interesse dei russi. E' un blocco contro l'Ucraina," — ha detto il premier.

Alla fine di gennaio gli ultranazionalisti ucraini hanno bloccato il trasporto delle merci dal territorio del Donbass non controllato dalle forze governative, provocando l'interruzione delle forniture di carbone e lo stato di emergenza nel settore energetico nazionale. In risposta le autorità filorusse hanno commissariato le imprese ucraine presente nelle autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk (DNR) e Lugansk (LNR) e nella giornata di ieri il presidente della DNR Alexander Zakharchenko ha annunciato l'embargo commerciale con Kiev.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала