Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il Donbass è stanco della guerra

© Sputnik . Irina Gerashchenko / Vai alla galleria fotograficaDonetsk dopo bombardamenti
Donetsk dopo bombardamenti - Sputnik Italia
Seguici su
Nel Donbass si spara e dei famosi accordi di Minsk non si vede nemmeno l’ombra, recentemente infatti in Ucraina orientale si è verificata un’escalation del conflitto. Vivendo con la paura di nuovi bombardamenti e altri morti, il Donbass è stanco della guerra.

Nel Donbass si è riaccesa la guerra, mai del tutto spenta nonostante il cessate il fuoco, con il suo epicentro a Avdeevka, dove i combattimenti a inizio febbraio hanno provocato nuove vittime. La tregua non è mai stata veramente rispettata fin dai primi giorni dopo la stesura degli accordi di Minsk, oramai quasi dimenticati.

Al di là della politica, delle dichiarazioni ufficiali e dei grandi giochi geopolitici la prima vittima della guerra nel Donbass sono i civili, come in ogni guerra. Sputnik Italia ha raccolto la testimonianza del reporter Eliseo Bertolasi che ha fotografato la situazione direttamente da Donetsk, dove, nonostante tutto, la vita va avanti.

© Foto : Fornita da Eliseo BertolasiEliseo Bertolasi a Donetsk
Eliseo Bertolasi a Donetsk - Sputnik Italia
Eliseo Bertolasi a Donetsk

— Eliseo, raccontaci che cos'hai visto a Donetsk questi giorni?

Milizia DNR - Sputnik Italia
Cremlino: non inviamo volontari ed armi nel Donbass, escalation è colpa di Kiev
— Trovandomi a Donetsk ho la possibilità di darti una testimonianza diretta della situazione che ho davanti agli occhi: la città sta vivendo una calma apparente. Tutti si rendono conto che in questo momento non si sente sparare, però dall'oggi al domani tutto può riprecipitare com'è successo all'inizio di febbraio, quando anche i nostri media italiani parlavano giustamente di un'escalation del conflitto.

— Che cos'è successo esattamente?

— A fine gennaio, inizio febbraio io non mi trovavo a Donetsk, però ti posso descrivere quello che ho visto questi giorni. Sono stato nei punti centrali della città di Donetsk, non intendo i soliti quartieri settentrionali tangenti all'aeroporto ampiamente colpiti nel corso della guerra. Sono stato ad esempio su una grande rotonda che da Donetsk porta a Makeevka, dove hanno tirato un missile molto potente Uragan a inizio del mese. Nella foto da me scattata si vedono gli effetti del missile. In questo stesso punto, mi ricordo benissimo, c'era un negozio, che ora non esiste più, è stato polverizzato. Tutto intorno sono saltati i vetri delle abitazioni, le piante sono divelte.

© Foto : fornita da Eliseo BertolasiGli effetti del missile Uragan a Donetsk.
Gli effetti del missile Uragan a Donetsk. - Sputnik Italia
Gli effetti del missile Uragan a Donetsk.

Mi accorgo anche questa volta purtroppo che i colpi arrivano proprio in zone abitate dai civili.

— Puoi confermare che si continua a sparare sui quartieri civili della città?

— Sì, l'elemento significativo è che hanno tirato con delle armi piuttosto potenti come gli Uragan non tanto le posizioni tangenti alla città, sui soliti quartieri che erano stati solitamente colpiti, ma addirittura i punti quasi centrali di Donetsk. Poco tempo fa nei quartieri centrali non si aveva più percezione di una guerra in corso. Lì dove la guerra sembrava un lontano ricordo, ci sono nuove ferite molto forti dovute ai bombardamenti.

Una delle strade di Kiev - Sputnik Italia
Kiev “evita” accordi di Minsk, speranza è in Occidente
— Sono passati anni dai famosi accordi di Minsk, il conflitto però sembra congelato e lontano da una soluzione. Com'è percepito il conflitto dai civili con cui hai parlato?

— Girando per la città, parlando con la gente, la sensazione è che dopo questo congelamento del conflitto con gli ultimi eventi si arriverà alla cosiddetta "ora x". Si sono innescate una serie di dinamiche, c'è la sensazione che la situazione si stia smuovendo, io mi auguro che questo movimento porti verso la pace. La gente qui è stanca della guerra.

Bambini e una donna che vivono in un rifugio antiaereo in uno dei quartieri nella periferia di Donetsk. - Sputnik Italia
Donbass, due anni dopo
— I segni della guerra sono ancora molto visibili. La città è ancora da ricostruire?

— Certamente, ci sono quartieri ancora distrutti, non è ancora in atto un programma di ricostruzione completo e articolato. Ci sono strutture sociali che si occupano di ricostruzione, alcune case sono state rimesse in funzione. Una volta terminata la guerra, la città dovrà essere sottoposta a una grandissima operazione di ricostruzione.

— Quali testimonianze ti hanno colpito maggiormente durante questo tuo ultimo viaggio a Donetsk?

— Nel quartiere dove ho visto i danni provocati al missile Uragan, c'erano delle signore di mezza età, alle quali ho fatto diverse domande, chiedendo loro cosa fosse successo e se avessero ancora paura. Loro mi hanno parlato di grandissimo sgomento e di tristezza.

Mi hanno detto queste parole: "Com'è possibile arrivare ad una guerra contro i civili? Com'è possibile che si possa arrivare a questo livello di violenza tra fratelli?".

Queste parole mi hanno scosso molto e mi hanno fatto riflettere.

— Al di là dei bombardamenti e della paura possiamo dire che la vita continua? La città di Donetsk va avanti?

— La vita certamente continua, se non fosse per le ferite sugli edifici che ricordano i bombardamenti. Nei supermercati sugli scaffali si vedono anche articoli per la casa, generi alimentari prodotti sul posto, ora col nuovo marchio "prodotto in DNR". Un segnale importante che indica una ripresa del settore industriale e agroalimentare.

© Foto : Fornita da Eliseo BertolasiUna tabella col nuovo marchio "Prodotto in DNR" in un negozio a Donetsk.
Una tabella col nuovo marchio Prodotto in DNR in un negozio a Donetsk. - Sputnik Italia
Una tabella col nuovo marchio "Prodotto in DNR" in un negozio a Donetsk.

La gente ha tanta forza e voglia di continuare nonostante tutto con molta determinazione. Quando chiedevo alla gente come si immaginassero il futuro, tutti mi rispondevano che il futuro era ancora incerto, vista l'escalation degli ultimi tempi, però su un fatto erano tutti convinti: indietro non si tornerà più, nulla sarà più come prima.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала