Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gli orfani della Globalizzazione neoliberista

© AP Photo / Mark LennihanEl presidente de Argentina, Mauricio Macri, se reunió en Nueva York con Bill Clinton
El presidente de Argentina, Mauricio Macri, se reunió en Nueva York con Bill Clinton - Sputnik Italia
Seguici su
Sembrava il percorso inevitabile, quello che superava tutte le fasi storiche che si era vissute fino ad allora.

Il libero commercio, l'apertura dei mercati nazionali, la fine degli Stati Nazionali, la libera circolazione dei capitali, la deterritorializzazione degli investimenti: nella globalizzazione neoliberista si sviluppava inesorabilmente il movimento storico della universalizzazione delle relazioni capitaliste iniziate già da vari secoli.

Abbiamo vissuto questo momento privilegiato di mercantilizzazione del mondo, di fronte al quale scomparirebbero le alternative, tutte ristrette, nazionali, anti mercantili, sparirebbero le regolamentazioni che possano ostacolare la libera espansione del capitale. Alcuni paesi dell'America Latina avevano operato in controtendenza globale irreversibile, fino anche in Argentina ed in Brasile il cammino della globalizzazione neoliberista ed il futuro tornava d aprirsi per questi paesi.

Convegno Globalismo e sovranità: quali prospettive politiche per l'Italia che verrà - Sputnik Italia
Arrivano i populisti!
L'elezione di Hillary Clinton sarebbe venuta a coordinare questo futuro, con un neoliberismo rinnovato, mantenendo Macri e Temer come protagonisti. Tutto era probnto perchè anche la Storia dell'America Latina riprendesse il cammino abbandonando senza equivoci la via del populismo. In questo momento, Hillary Clinton starebbe facendo le sue sfilate sulle passerelle politiche della regione utilizzando il suo look neoliberista preso dal closet e celebrata ed applaudita dai governi di Macri e Temer. Il Cile ha dichiarato che il TPP era per loro l'accordo del secolo. Il Messico aveva giocato il suo destino nel Trattato del Libero Commercuio dell'America del Nord.

Pro-Brexit flags fly from a fishing boat moored in Ramsgate on June 13, 2016. - Sputnik Italia
"Nessuna crisi economica col Brexit, ma inizio crollo UE o disgregazione UK"
All'improvviso il voto per l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea annunciava che qualche cosa stava andando al di fuori dell'ordine mondiale previsto.

Subito dopo, Donald Trump vince ed annulla la partecipazione degli USA nel TPP, così come desiste il Trattato del Libero Commercio con l'Europa e si mette in questione il Trattato con Messico e Canada.
La bussola dei neoliberisti si ostruisce. Il futuro ormai non è più quello che si aspettava.

Proprio quelli che avevano promesso questo futuro, adesso lo negano e ritornano al protezionismo che predicevano che sarebbe stato superato definitivamente. I Governi ritornano lla difesa dei posti di lavoro nazionali, quando prima sfruttavano la mano d'opera a basso costo sui paesi emergenti come il migliore sistema per migliorare la competitività. Alla fine il futuro già non sarà più quello che si prometteva come destino ineluttabile.

Presidente Barack Obama incontra leader del “Partenariato Trans-Pacifico” (TTP) - Sputnik Italia
Ex comandante NATO sicuro, senza TPP gli USA avranno loro Brexit nel Pacifico
Coloro che hanno messo in pratica il loro destino scommettendo sulla globalizzazione neoliberista, all'improvviso si trovano orfani. Il cancelliere Josè Serra prometteva di portare il Brasile al TPP, che adesso è stato abrogato da Trump. L'Argentina ed il Brasile hanno cercato di debilitare gli spazi di integrazione regionale, in funzione di un ritorno alla subordinazione al dominio economico del capitale USA. Adesso, allo stesso modo del Messico, gli vengono chiuse le porte. All'Argentina questo è già costato il blocco nell'esportazione di prodotti agricoli. Al Messico questo gli costa in tutti i settori: investimenti, posti di lavoro, rimesse dagli USA.

Tutto questo dimostra che non vi è un destino obbligatorio per l'umanità. Il futuro rimane aperto, il futuro sarà deciso attraverso le vie che i popoli decideranno, democraticamente. Ci si domanda perchè paesi come l'Argentina, il Brasile ed il Messico, con governi sovrani, non possano decidere prossimamente, di riimpostare le loro politiche estere ed ampliare e consolidare i processi di integrazione latinoamericana, strettamente articolati assieme ai Brics. Perchè non dovdrebbe accadere? Le intuizioni avute dal "comandante Chavez" ritornano attuali in America Latina.

Fonte: Controinformazione

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала