Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

RT definisce arresto suo giornalista in USA violazione di libertà di parola

© Sputnik . Evgeny Biyatov / Vai alla galleria fotograficaRT
RT - Sputnik Italia
Seguici su
L’arresto e le accuse da parte delle autorità USA nei confronti del corrispondente RT Aleksandr Rubinstein, inviato a informare sulle proteste nel giorno dell’insediamento di Trump, sono una palese e arbitraria violazione della libertà di parola, si comunica sul sito del canale televisivo.

"L'arresto e le successive accuse contro il nostro corrispondente Alexander Rubinstein, il quale semplicemente svolgeva il proprio lavoro nell'informare sulle proteste a Washington il giorno dell'inaugurazione di Donald Trump, è un totale sopruso. Queste azioni rappresentano una palese violazione della libertà di parola, e soprattutto stupisce il fatto che questo sia accaduto nel paese che si ritiene la patria della libertà di stampa" comunica il servizio stampa RT.

RT è fiduciosa che l'arresto di Rubinstein verrà riconosciuto illegittimo.

"RT agisce con tutte le proprie forze del suo team di legali per sostenere il nostro giornalista, e siamo sicuri che una analisi dettagliata da parte del procuratore generale USA, confermerà che Alexander, il quale è sempre munito di tessera da giornalista, è stato arrestato ingiustamente" sottolinea il servizio stampa.

I poliziotti hanno arrestato Rubinstein nonostante egli abbia mostrato la tessera da giornalista. È accusato di un crimine di secondo grado (partecipazione a disordini). L'udienza preliminare è fissata per il 16 febbraio. Rubinstein rischia fino a 10 anni di reclusione e una multa fino a 25000 dollari. Il 20 gennaio a Washington hanno arrestato un giornalista della compagnia mediatica americana Vocativ, Evan Angel, che si trova in una situazione simile.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала