Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tkachev: abolizione embargo su cibo va discusso con rimozione di limiti di import

© Sputnik . Konstantin ChalabovEmbargo agroalimentare Russia
Embargo agroalimentare Russia - Sputnik Italia
Seguici su
La questione della cancellazione totale o parziale dell'embargo sul cibo dei paesi che hanno imposto le sanzioni contro la Russia, andrebbe discusso insieme alla rimozione delle restrizioni all'importazione dei prodotti nazionali nei mercati di questi paesi, ha detto il Ministro dell'agricoltura russo, Alexander Tkachev.

"La questione di aprire il mercato russo ai prodotti provenienti dai paesi per i quali sono state imposte le restrizioni, va affrontata con attenzione e con riguardo agli interessi di ciascuna delle parti. E prima di tutto, nel processo decisionale difenderemo gli interessi dei nostri agricoltori, i quali per tutta la durata dell'embargo, hanno iniziato a investire in nuovi progetti"б ha detto Tkachev in un'intervista con "Rossiyskaya Gazeta" pubblicato lunedì.

"La questione della rimozione completa o parziale delle restrizioni alla fornitura di prodotti agricoli per il mercato russo dovrebbe essere discussa in concomitanza con la rimozione di limiti di importazione dei prodotti caseari, del pollame, di carne bovina e ovina russi", ha aggiunto il ministro.

Secondo il Ministro, i consumatori con un annullamento dell'embargo sui prodotti provenienti dai paesi sotto misure restrittive, riceverebbero una più ampia varietà di scelta. D'altra parte però, i produttori russi hanno già raggiunto risultati significativi nella sostituzione delle importazioni. "Negli ultimi sette anni, la produzione di grano è cresciuta di un terzo, in 10 anni è triplicata la produzione di pollame e duplicata quella di carne suina. Oggi la Russia è completamente autosufficiente per quanto riguarda il grano, la carne, l'olio vegetale, lo zucchero e le patate", ha citato degli esempi Tkachev.

Ha osservato che gli altri paesi hanno già compreso che la Russia non è capace solo di esportare petrolio, ma che può anche diventare una potenza agricola mondiale.

"Alla fine dello scorso anno la Russia ha aumentato le esportazioni di prodotti agricoli del 4%, vale dire fino a 17 miliardi di dollari. E questo a causa dell'aumento della fornitura di grano, di oli vegetali, e di pesce", ha sottolineato il Ministro dell'agricoltura.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала