Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

The Guardian: in Svezia monta la preoccupazione per la propaganda russa

Seguici su
Mentre il mondo è impegnato a discutere di hacker russi e dell’interferenza russa nelle elezioni presidenziali americane, in Svezia cresce la preoccupazione per l’influenza dell’informazione veicolata da Mosca. Lo riferisce il quotidiano britannicoThe Guardian, citando fonti locali.

L'Istituto svedese di relazioni internazionali accusa la Russia di divulgare notizie e documenti falsi nel quadro di una campagna coordinata di disinformazione della popolazione. La guerra informativa russa contro Stoccolma avverrebbe a colpi di notizie false che appaiono prima sui media svedesi, quindi sul sito di Sputnik e su altri siti d'informazione russa anche esteri.

Uno degli esempi più eclatanti di notizia falsa, scrive il Guardian, è l'intenzione di Svezia e NATO di fornire armi al sedicente Stato islamico. Chi abbia messo in giro tale bufala è ancora un mistero. Fatto sta che nostante tante notizie contengano errori che ne compromettono la credibilità, esse si diffondono rapidamente nelle reti sociali.

Secondo il ricercatore del Centro di ricerca svedese su Russia ed Eurasia Martin Krug, la Russia dal 2014 utilizza attivamente diversi strumenti per migliorare l'efficacia della politica estera nelle relazioni con i paesi occidentali, a dimostrazione dell'intenzione di influenzare il processo decisionale.

Le preoccupazioni dell'influenza russa nel campo dell'informazione hanno raggiunto perfino il dibattito parlamentare. Nei giorni scorsi il primo ministro Stefan Löfven ha avvisato che la Russia potrebbe tentare di influenzare le prossime elezioni parlamentari svedesi (2018).

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала