Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Diaspora albanese progetta di sequestrane missione diplomatica serba

© Sputnik . Sergey KuznecovIvica Dacic, vice premier e ministro degli esteri serbo
Ivica Dacic, vice premier e ministro degli esteri serbo - Sputnik Italia
Seguici su
Il Ministero degli affari esteri della Serbia è in possesso di informazioni su un eventuale sequestro della rappresentanza diplomatica serba in USA o Europa progettato dalla diaspora albanese con l'obiettivo di raggiungere la cessazione del processo contro l'ex primo ministro del Kosovo Ramush Haradinaj, ha detto Ivic Dačić.

Giovedì 12 gennaio è prevista la riunione della corte in Francia per il caso che riguarda l'ex primo ministro del Kosovo, arrestato mercoledì scorso all'aeroporto di Basilea-Mulhouse-Friburgo per crimini di guerra durante il conflitto armato in Kosovo e Metohija nel 1998-1999, rilasciato dall'Interpol nel 2004. Belgrado ha chiesto alla Francia l'estradizione dell'ex comandante dell'esercito di Liberazione del Kosovo, l'UCK, e Pristina e Tirana hanno risposto indignate.

"Abbiamo informazioni su un piano della diaspora albanese per il sequestro di une delle nostre missioni diplomatiche in USA o in Europa per costringere la Serbia a rinunciare al processo contro Haradinaj. Su questo siamo stati informati da polizia e servizi di sicurezza degli Stati membri e a tutte le nostre sedi consolari e missioni diplomatiche vengono fornite istruzioni specifiche per adottare misure di precauzione preventiva" ha comunicato il Ministro degli esteri Dačić, sottolineando che "questo dimostra che i politici albanesi sono pronti a tutto, anche al terrorismo".

Dačić ha anche invitato i politici albanesi a "non giocare con il fuoco", perché la Serbia sarà in grado di proteggere i suoi interessi. "La Serbia non rinuncia a processare Haradinaj o altri che hanno commesso crimini contro il popolo serbo" ha detto il primo vice-premier e ministro degli esteri della Serbia. Haradinaj nel 2004-2005 ha guidato il governo della repubblica, dopo che il suo partito, Alleanza per il futuro del Kosovo, è entrato in radicale opposizione alle autorità albanesi e kosovare. Le autorità serbe hanno portato 108 capi d'accusa contro di lui, tra cui il terrorismo, organizzazione di gruppi criminali, uccisione di decine di civili serbi. Per due volte è stato assolto per crimini di guerra al tribunale Internazionale di giustizia dell'Aia.

Nel 1999 l'opposizione armata dei separatisti albanesi dell'esercito di Liberazione del Kosovo ha portato al bombardamento della Jugoslavia, allora composta da Serbia e Montenegro, da parte delle forze NATO. Nel marzo 2004, gli albanesi del Kosovo hanno organizzato un pogrom, che ha portato ad una massiccia distruzione degli insediamenti serbi e dei monumenti della loro storia e cultura.

Le autorità di Pristina il 17 febbraio 2008, unilateralmente, hanno proclamato l'indipendenza dalla Serbia. La repubblica del Kosovo non è stata riconosciuta da Serbia, Siria, Russia, Cina, Israele, Iran, Spagna e una serie di altri Stati.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала