Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ministro degli esteri Repubblica Ceca: la politica americana è con "le spalle al muro”

© AP Photo / Ronald ZakForeign Minister of the Czech Republic Lubomir Zaoralek attends a joint press conference as part of a meeting with Austrian Foreign Minister Sebastian Kurz at the foreign ministry in Vienna, Austria, Thursday, April 3, 2014
Foreign Minister of the Czech Republic Lubomir Zaoralek attends a joint press conference as part of a meeting with Austrian Foreign Minister Sebastian Kurz at the foreign ministry in Vienna, Austria, Thursday, April 3, 2014 - Sputnik Italia
Seguici su
La politica americana adesso si trova con "le spalle al muro”, e solo l'arrivo di nuove persone potrebbe aiutarla, ha detto domenica il Ministro degli esteri ceco Lubomir Zaoralek, commentando il cambiamento di potere negli Stati Uniti.

"La politica americana adesso si trova con "le spalle al muro" e l'unica maniera per sbloccare la situazione è che arrivi qualcuno che osservi la situazione da un punto di vista diverso", ha detto Zaoralek in un dibattito della tv nazionale.

Come esempio il Ministro degli esteri ha tirato in ballo il vicolo cieco in cui si è imbattuta l'amministrazione Obama in Medio Oriente, definendo tale politica un fallimento.

"Peggio della fine di un incubo c'è solo un incubo senza fine. Ripongo le mie speranze in Donald Trump. E' un rischio, ma è meglio di un lento declino, come nel caso di un elezione di Hillary Clinton", ha detto un altro partecipante al dibattito, l'ex Ministro degli esteri ed ex ambasciatore negli Stati Uniti Alexandr Vondra.

Commentando la questione dei presunti attacchi hacker contro gli USA ordinati da Mosca, entrambi i partecipanti al dibattito hanno detto che Washington sta reagendo con isteria, e che si parla troppo piuttosto che agire.

"Le attività di intelligence dannose da parte della Russia dovrebbero essere prese sul serio, ma tutto questo clamore degli americani sul fatto che i russi abbiano avuto un impatto sulle loro elezioni è indegno da parte dallo stato più potente del mondo", ha detto Vondra.

Riferendosi alla situazione in Siria, e Zaoralek e Vondra hanno sottolineato che gli Stati Uniti hanno perso l'iniziativa qui, la quale invece è stata presa dalla Russia e dalla Turchia. Quest'ultima è riuscita senza precedenti e senza il sostegno dell'Europa e degli Stati Uniti a concordare un cessate il fuoco nel paese mediorientale.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала