Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

The Week: nessuno vuole l’Europa della Merkel

© REUTERS / Hannibal HanschkeGerman Chancellor Angela Merkel arrives for a news conference in Berlin, Germany, December 20, 2016, one day after a truck ploughed into a crowded Christmas market in the German capital.
German Chancellor Angela Merkel arrives for a news conference in Berlin, Germany, December 20, 2016, one day after a truck ploughed into a crowded Christmas market in the German capital. - Sputnik Italia
Seguici su
A causa della politica migratoria della cancelliera Angela Merkel l’Europa è diventata pericolosa, dove la libertà di movimento aiuta la mano del terrorismo, scrive il corrispondente della testata The Week Michael Dougherty nell’articolo dal titolo “Angela Merkel distrugge l’Europa”.

"Il peggio è che il desiderio della Merkel di difendere i "valori europei", probabilmente ha cambiato per sempre la vita in Europa. Un mondo senza frontiere, che simboleggia l'ordine pubblico e la prosperità, si è trasformato in una fonte di pericolo", ha detto il giornalista.

Secondo Dougherty, quando la cancelliera tedesca ha provocato un afflusso nel paese di oltre un milione di migranti nel 2015, è stata "osannata" e la sua decisione è stata definita "il trionfo della carità".

Ma dopo che a Berlino un camion, con un immigrato al volante, ha investito il mercatino di Natale provocando la morte di 12 persone è giusto dire che la politica della Merkel si è tramutata in un disastro, secondo un giornalista di The Week.

Il sospettato, il 24enne Anis Amir, ucciso con dei colpi di pistola dalla polizia a Milano, è un immigrato tunisino, fa notare Dougherty. Le frontiere aperte in Europa gli hanno permesso di uscire dalla Germania dopo aver commesso il crimine, e di andare prima in Francia e poi in Italia.

Angela Merkel - Sputnik Italia
Merkel vuole che 60mila immigrati lascino la Germania di propria volontà

Il giornalista di The Week ricorda: il 2016 che termina con il lutto per i morti di Berlino, è iniziato con lo stupro di massa a Colonia, ad opera di un gruppo di immigrati. Dopo questo ci sono stati altri incidenti, dall'esplosione ad Ansbach, provocata da un immigrato siriano fino all'arresto del diciasettenne afghano per l'uccisione della figlia diciannovenne del funzionario europeo Maria Ladenburger.

"E' una catastrofe non solo per la Germania" ritiene Dougherty, ricordanto gli attentati a Bruxelles, a Parigi e a Nizza.

La Merkel ha affermato che sia necessario accogliere un tale numero di rifugiati perché è l'unico modo per rimanere fedeli ai "valori europei". Tuttavia, l'attuale ondata di terrorismo in Europa sta mettendo in "pericolo di vita" non solo il suo partito, ma anche l'Unione Europea nel suo insieme, sottolinea il giornalista.

Adesso i singoli paesi europei, invece di cercare nuovi modi per integrare i migranti devono trovare nuovi modi per vigilare su di essi. "Questa è l'Europa che nessuno voleva", riassume Dougherty.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала