Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Natale in Iran lo festeggiano anche i nuovi musulmani

© AFP 2021 / Atta KenareIran air show
Iran air show - Sputnik Italia
Seguici su
Sputnik racconta come il Natale in Iran venga celebrato non solo dalle comunità cristiane, ma anche dai musulmani

Nella terra iraniana il cristianesimo comparve nel II secolo dopo Cristo. Ora, secondo i dati del censimento, in Iran vivono poco più di 100 mila cristiani, meno dell'1% della popolazione totale e sono rappresentati da diverse chiese. C'è la chiesa apostolica Armena in Iran, la chiesa Assira d'Oriente, la chiesa ortodossa Georgiana e la chiesa cattolica caldea. A questa minoranza religiosa è garantita la libertà di culto, si possono effettuare servizi di culto e altri rituali, ma anche di celebrare le feste del calendario. E una delle principali feste cristiane, naturalmente, è Natale.

La maggior parte delle comunità cristiane dell'Iran celebra il Natale il 25 dicembre. Nella chiesa Assira d'Oriente porta il nome di Piccola festa, cioè ʿĒdā Ṣūrā e le celebrazioni cominciano con un accompagnamento musicale. In chiesa si riproducono le immagini delle scene della Natività di Cristo, in particolare l'episodio dell'arrivo dei magi, i canti e la lettura dei Salmi.

Le tradizioni culinarie del Natale iniziano con la prima colazione e la "harithao", uno dei piatti più popolari per tutta la regione, menzionato anche nei testi sacri e di fatto una polenta di cereali e di carne che viene fatta cuocere in grandi quantità per tutta la notte. Dopo la prima colazione, la gente va in chiesa insieme con le delizie culinarie e la messa e le altre attività della chiesa sono spesso combinate con il concorso " di chi è il più saporito haritha"?

La chiesa apostolica armena celebra la festa dell'Epifania e della Natività di Gesù Cristo il 6 gennaio. Secondo la tradizione il giorno prima si accendono tutte le lampade e le candele nelle chiese, cantando l'inno "Grande meraviglioso sacramento", che risale al V secolo.

Molti viaggiatori raccontano di queste messe, già celebrate in epoca di Safavide, che si sono svolte a Culfa, dove era presente una comunità di armeni, dove era spesso presente il governatore stesso e i membri della corte. Particolarmente importante di queste cerimonie era il battesimo, celebrato lungo i fiumi su speciali barche, decorate con croci, icone e nastri.

Nei villaggi vengono celebrati diversi riti della Vigilia di Natale con elementi di fuoco, un chiaro riferimento allo zoroastrismo. Naturalmente, a Natale e Capodanno i cristiani non possono fare a meno di addobbare i tradizionali alberi di Natale e Babbo Natale, che godono di grande popolarità tra la popolazione e nei negozi di souvenir. E, spesso, il Natale e il Nuovo anno non lo celebrano solo i cristiani, ma anche giovani iraniani musulmani che amano anche queste feste.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала