Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gazprom non si fida della Commissione Europea

© Sputnik . Artiom Zhitenev / Vai alla galleria fotograficaAD Gazprom Alexey Miller
AD Gazprom Alexey Miller - Sputnik Italia
Seguici su
Gazprom mette in guardia da possibili prelievi di gas non autorizzati da parte dell'Ucraina, con conseguente interruzione del transito verso l'Europa.

Ciononostante non solo l'Ucraina promette di non compromettere il transito del gas, dichiarando di non voler fare la figura di uno Stato "barbaro", ma anche la Commissione Europea offre garanzie. Per gli esperti di diritto dicono questo tipo di affermazioni da parte di Gazprom sono l'unico modo per difendere i propri interessi relativamente alla multa dell'antitrust ucraina di 6,6 miliardi di dollari.

Gazprom teme che l'Ucraina possa iniziare a sottrarre gas dai volumi di transito a seguito della sentenza dei magistrati ucraini, che non solo hanno punito la società russa con una multa di 3,34 miliardi di dollari e intimato di pagare gli interessi, ma hanno stabilito di riscuotere questa somma con confische e prelievi forzati.

"Abbiamo motivo di ritenere che la decisione del tribunale di Kiev non sia casuale, — ha dichiarato il numero uno di Gazprom Alexey Miller. — Può essere dettata dal fatto che l'Ucraina abbia cercato un pretesto legale per realizzare i suoi piani".

Miller ha sottolineato che il colosso russo non ha alcun asset in Ucraina ad eccezione del gas nei tubi di transito.

"Se la questione si pone in questo modo, allora non si tratta altro che del prelievo forzato del gas destinato ai consumatori europei", — avverte il numero uno di Gazprom.

Lunedì il vicepresidente della Commissione Europea con delega all'energia Maroš Šefčovič ha dato garanzie verbali al ministero dell'Energia russo che l'Ucraina non effettuerà alcun prelievo forzoso del gas per eseguire la sentenza emessa a Kiev.

Chiaramente Miller non crede alle garanzie di Maroš Šefčovič.

Da parte sua l'Ucraina ha assicurato che non avrebbe prelevato il gas di transito e avrebbe rispettato tutti gli impegni per il trasporto. Lo ha annunciato il ministro dell'Energia e dell'Industria del Carbone Igor Nasalik.

"Se preleviamo il gas di transito, violiamo i nostri obblighi e ci mostriamo un Paese barbaro", — ha detto il ministro ucraino.

In precedenza il ministro dell'Energia russo Alexander Novak ha affermato che la questione della multa antitrust deve essere risolta dall'arbitrato di Stoccolma.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала