Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Capo corporazione cinese spiega la minaccia del dialogo USA con Taiwan

© AP Photo / Andy WongIn this Nov. 7, 2012 photo, US and Chinese national flags are hung outside a hotel during the U.S. Presidential election event, organized by the US embassy in Beijing
In this Nov. 7, 2012 photo, US and Chinese national flags are hung outside a hotel during the U.S. Presidential election event, organized by the US embassy in Beijing - Sputnik Italia
Seguici su
Wang Jianlin, dirigente della Dalian Wanda Group Corporation, spiega quali potrebbero essere le conseguenze del deterioramento delle relazioni tra Washington e Pechino.

Come comunica la Radio Internazionale Cinese, Wang Jianlin ha parlato al vertice finanziario cinese, dove ha risposto alle parole del presidente neoeletto degli USA Donald Trump per quanto riguarda la politica "una sola Cina".

"Ho investito negli Stati Uniti più di dieci miliardi di dollari, ho creato 20mila posti di lavoro. Se qualcosa dovesse andare storto, questi 20mila di persone potrebbero rimanere senza lavoro" ha detto il miliardario cinese.

In precedenza, Trump in un'intervista a Fox News ha detto non avrebbe permesso a Pechino di dettare le proprie condizioni in materia dei rapporti con Taiwan. Il politico americano ha anche espresso perplessità sul perché gli Stati Uniti dovrebbero aderire alla politica "una sola Cina".

In risposta, il portavoce del Ministero degli esteri cinese Geng Shuang ha espresso "grave preoccupazione" per le parole di Trump e ha sottolineato che il problema taiwanese è legato alla questione della sovranità nazionale e dell'integrità territoriale del paese. Il diplomatico ha sottolineato che il principio della politica "una sola Cina" è alla base dello sviluppo delle relazioni con Washington.

Xie Xiaoyan - Sputnik Italia
Cina rinforza propria influenza in Siria
Nel 1972, nel 1978 e nel 1982, gli Stati Uniti e la Cina hanno firmato tre comunicati dove Washington riconosceva il principio di "una sola Cina" rompendo le relazioni diplomatiche formali con Taiwan e impegnandosi a tagliare la fornitura di armi a Taipei.

Secondo l'organizzazione di ricerca rating Hurun Research Institute, il dirigente della Dalian Wanda Wang Jianlin è il più ricco residente della Repubblica Popolare Cinese con un patrimonio di 32,1 miliardi di dollari della Cina.

La Dalian Wanda, fondata nel 1988, precedentemente impegnata nella costruzione di uffici e immobili residenziali, ora opera anche nel settore dello sport, del turismo, dell'intrattenimento e dei film. Nel 2015 i suoi beni sono stati stimati a 96 miliardi di dollari con 44,21 miliardi di dollari fatturato.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала