Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Leader repubblicano Senato USA non sostiene l'istituzione commissione per "hacker russi"

© REUTERS / Joshua RobertsSenate Majority Leader Mitch McConnell (R-KY) speaks about the election of Donald Trump in the U.S. presidential election in Washington, U.S., November 9, 2016
Senate Majority Leader Mitch McConnell (R-KY) speaks about the election of Donald Trump in the U.S. presidential election in Washington, U.S., November 9, 2016 - Sputnik Italia
Seguici su
Il leader dei repubblicani al senato Mitch Mcconnell non ha sostenuto l’istituzione della commissione per gli “hacker russi”, i quali avrebbero presumibilmente provato a influenzare le elezioni in USA, ha comunicato lunedì l’agenzia Reuters.

Mcconnell ha detto di volersi affidare completamente alla CIA e alla commissione competente per le indagini, i quali sono in grado di scoprire la verità "in modo responsabile". In precedenza, il senato ha richiesto l'istituzione di una commissione speciale per indagare sulle presunte violazioni da parte di hacker russi.

Su questo Mcconnell ha riposto la speranza che la questione non venga considerata sulla base del partito, ma che venga esaminata in spirito di collaborazione tra i due partiti al congresso.

Donald Trump - Sputnik Italia
Trump ha definito ridicole le dichiarazioni circa l'intromissione di Mosca in elezioni USA
In precedenza il Washington Post aveva pubblicato una notizia secondo la quale la CIA era giunta alla conclusione che la Russia si sia intromessa nelle elezioni presidenziali USA del 2016 per aiutare Donald Trump a vincere. Accuse simili contro la Russia sono state espresse sia dal Dipartimento di Sicurezza Nazionale, e dall'Intelligence in un comunicato nel mese di ottobre, senza però fornire alcuna prova concreta. L'FBI, che fa parte della comunità di intelligence degli Stati Uniti e svolge le funzioni di controspionaggio, a queste accuse non hanno aderito, il che ha portato su di sé le critiche dei democratici e alcuni repubblicani.

Il neoeletto presidente USA Donald Trump nell'intervista di domenica col canale televisivo Fox News ha definito ridicole le accuse mosse contro di lui e il presunto sostegno della Russia per la sua vittoria alle elezioni.

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato in precedenza che nei dati pubblicati non c'è nessun interesse per la Russia, e l'isteria viene gonfiata, per distogliere l'attenzione dal loro contenuto. L'addetto stampa del presidente Dmitry Peskov ha definito le accuse contro Mosca "totalmente infondate".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала