Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Polonia teme di restare schiacciata: la camera dei deputati discute i rapporti con Russia

Seguici su
La camera dei deputati a Varsavia ha iniziato a discutere se valga la pena mantenere la politica antirussa.

La ragione è stata l'annuncio della camera bassa del parlamento della Russia che condanna la dichiarazione congiunta ucraino-polacco della memoria e della solidarietà, dove l'Unione Sovietica figura come aggressore che ha causato la seconda guerra mondiale. Alla seduta della camera dei deputati polacca è stato inoltre dichiarato che la politica estera continuerà a concentrarsi sui rapporti d'amicizia con l'Ucraina. Secondo il politologo polacco Aleksandr Butshakovsky, la dichiarazione è un tentativo del partito di destra di aumentare il rating di approvazione sfruttando le tendenze nazionalistiche dei cittadini.

Petr Poroshenko - Sputnik Italia
Ucraina, firmato accordo di cooperazione nella difesa con la Polonia
I deputati non hanno apprezzato la critica della camera bassa del parlamento russo (la Duma) della dichiarazione congiunta ucraino-polacco nella quale si afferma la responsabilità per l'inizio della Seconda guerra mondiale viene addossata all'Unione Sovietica e alla Germania nazista. L'ufficio stampa del partito di governo "Diritto e giustizia", ha detto a RT, che il documento è stato adottato in conformità con i regolamenti e le norme internazionali e nessuno ha intenzione di annullarlo.

"Il patto Molotov-Ribbentrop del 23 agosto 1939 fu stretto tra l'Unione Sovietica e la Germania nazista e questo ha portato allo scoppio della seconda guerra mondiale. La Polonia intende continuare a mantenere l'attenzione del pubblico mondiale su questo tema", ha commentato il portavoce del partito Camilla Novakova.

Nel corso del dibattito il partito di governo "Diritto e giustizia" ha approvato all'unanimità l'assistenza ai parlamentari ucraini, in particolare per quanto riguarda le loro proteste contro la politica russa. Tra le altre cose, hanno espresso forte insoddisfazione per quanto riguarda il posizionamento dei missili "Iskander-M" a sud di Kaliningrad. Il presidente del consiglio del partito "la Polonia insieme" e membro del Parlamento europeo Paolo Kowal ha detto che il comportamento della Russia è una minaccia per la sicurezza mondiale e la Polonia deve contrastarlo.

"L'obiettivo della politica russa è l'indebolimento delle nazioni situate tra Russia e Polonia, Ucraina e Bielorussia, e allo stesso tempo l'indebolimento dell'Unione Europea. La Russia ha bisogno che la Polonia sia schiacciata come in un panino. Sta provando a ripetere la politica aggressiva dell'Unione Sovietica. Quindi la nostra priorità deve essere stabilire una relazione con l'Ucraina in modo da evitare insieme la realizzazione dei piani della Russia", ha scritto sulla propria pagina Facebook.

Il politologo polacco Aleksandr Butshakovsky ritiene:

"Il partito di destra non è la prima volta che prova ad aumentare il proprio indice di approvazione sfruttando i sentimenti nazionalistici dei cittadini. Il risultato è che falsificano la storia per mettere la Russia sotto una cattiva luce", ha detto in una intervista con RT.

"Storicamente questa dichiarazione viola il diritto internazionale, perché contraria alle decisioni del tribunale di Norimberga, che non è stato cancellato", ha aggiunto l'analista.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала