Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Atene non vieta alle navi cisterna russe di navigare nelle acque territoriali

© AFP 2021 / ANGELOS TZORTZINIS Il porto di Piraeus, Atene
Il porto di Piraeus, Atene - Sputnik Italia
Seguici su
La Grecia non intende intraprendere nessuna azione contro la Russia in relazione alle consegne di carburante da parte di navi cisterna all’aviazione russa in Siria, ha comunicato in un’intervista a RIA Novosti il consigliere speciale del Primo Ministro della Grecia in relazione alla cooperazione con la Russia, Dimitrios Velanis.

© FotoIl consigliere speciale del Primo Ministro della Grecia in relazione alla cooperazione con la Russia, Dimitrios Velanis.
Il consigliere speciale del Primo Ministro della Grecia in relazione alla cooperazione con la Russia, Dimitrios Velanis. - Sputnik Italia
Il consigliere speciale del Primo Ministro della Grecia in relazione alla cooperazione con la Russia, Dimitrios Velanis.
Negli ultimi giorni nei media occidentali si discuteva di una presunta violazione da parte della Russia dell'embargo europeo, riferendosi alle navi cisterna che forniscono combustibile per l'aviazione russa in Siria.

"Come è stato detto al Ministero della difesa e degli affari esteri russi, le sanzioni imposte dai membri dell'UE e dalla NATO, non riguardano la Russia poiché non è membro di questa organizzazione. Noi capiamo che la Russia è coinvolta in Siria con la sua aviazione e la marina e certamente deve rifornirle. Gli aerei senza kerosene non volano" ha detto Velanis.

"Noi sappiamo che gli aerei russi bombardano i terroristi e non il popolo siriano come affermano certi media occidentali. L'affermazione che la Russia attacchi obiettivi civili è falsa al 100%. I media occidentali non mostrano quello che succede in realtà e sembra che ci sia una macchina di propaganda in funzione contro la Russia. Ma il popolo greco comprende benissimo questo" ha detto lui.

Ammiraglio Grigorovich - Sputnik Italia
Difesa, la Grecia continuerà a rifornire le navi militari russe
Alla questione se ci si deve aspettare qualche sanzione contro la marina civile russa Velanis ha risposto: gli organi competenti della Grecia sono d'accordo su una specifica posizione. Non credo valga la pena imporre un divieto".

"Non è un nostro problema, è una questione della Russia e dei suoi interessi. Noi non andiamo contro gli interessi della Russia, non abbiamo motivi per farlo. Ritengo che la posizione della Grecia sia condivisibile" ha detto lui.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала