Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Kiev giudica una “pugnalata alla schiena” il voto della Bielorussia all'ONU sulla Crimea

© Sputnik . Mikhail MarkivRiunione della Verchovna Rada in Ucraina
Riunione della Verchovna Rada in Ucraina - Sputnik Italia
Seguici su
Le autorità ucraine considerano una "pugnalata alla schiena" il voto della Bielorussia contro la discussione della mozione sulla Crimea presentata dal rappresentante di Kiev, ha dichiarato oggi il vicepresidente del Parlamento ucraino e rappresentante nel sottogruppo umanitario sul Donbass Irina Gerashchenko.

Il documento, che esorta il monitoraggio internazionale della situazione dei diritti umani nella penisola, è stato approvato dalla 3° commissione su questioni culturali, sociali e umanitarie dell'Assemblea Generale dell'ONU; è stato approvato da 73 Stati, 23 si sono opposti mentre le astensioni sono state 76. Tra i sostenitori della risoluzione ci sono la maggior parte dei Paesi europei e gli Stati Uniti, contro la Russia, la Cina, la Serbia, l'Armenia, Cuba, l'India, il Kazakistan, la Bielorussia così come altri.

"E' particolarmente doloroso per l'Ucraina il voto di 3 Paesi: Armenia, Kazakistan e Bielorussia. Rispettiamo la volontà dell'Armenia e del Kazakistan dato il loro rapporto speciale con la Federazione Russa. Per quanto riguarda la posizione della Bielorussia, la consideriamo una pugnalata alla schiena. Ringraziamo la parte bielorussa per la piattaforma indipendente a Minsk, lo apprezziamo, ma devono essere indipendenti in tutte le posizioni e non schierati da una parte", —

ha detto la Gerashchenko, intervenendo oggi in Parlamento. Ha invitato la parte bielorussa a rispettare il diritto dell'Ucraina a "difendere l'indipendenza e la sovranità."

Complessivamente la bozza condanna "le violazioni dei diritti umani, le misure e le azioni contro gli abitanti della Crimea discriminatorie", comprese quelle contro "i tartari della Crimea, gli ucraini e le persone appartenenti ad altri gruppi etnici e religiosi."

Il direttore del dipartimento per la cooperazione umanitaria e per i diritti umani del ministero degli Esteri della Russia Anatoly Viktorov ha definito la mozione ucraina "un volantino di propaganda senza valore". La bozza di risoluzione "non ha nulla a che fare con la situazione reale in Crimea o le opinioni e gli interessi degli abitanti della penisola."

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала