Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

National Interest parla delle capacità dei sottomarini sovietici

© Foto : Bellona FoundationUn sottomarino del Progetto 941 Akula (squalo).
Un sottomarino del Progetto 941 Akula (squalo). - Sputnik Italia
Seguici su
L’Unione Sovietica ha progettato e costruito i sottomarini più grandi al mondo, il progetto 941 “Akula”, meglio conosciuti in occidente come classe Typhoon, sono uno dei “progetti militari più minacciosi” mai realizzati dall’essere umano scrive l’esperto Kyle Mizokami del giornale The National Interest.

Questi "mostri marini" potevano colpire fino a duecento obiettivi con testate nucleari, dalla potenza sei volte superiore a quella della bomba di Hiroshima. Avevano abbastanza armamenti per "annientare intere nazioni" scrive nell'articolo Mizokami.

I sottomarini progetto 941 "Akula" erano parte della triade nucleare dell'Unione Sovietica e rappresentavano la risposta ai sottomarini USA classe "Ohio" ricorda l'autore.

Атомная подводная лодка Северного флота Северодвинск в акватории Баренцева моря перед пуском крылатой ракеты Калибр - Sputnik Italia
Le possibilità dei sottomarini nucleari russi contro quelli americani in battaglia

"Gli "Akula" sono stati progettati per poter navigare nell'artico e sono caratterizzati da uno scafo rinforzato che permetteva di rompere i ghiacci polari, un eccezionale sistema di galleggiamento e due eliche protette. I sottomarini di questa classe sono lunghi 173 metri con un tonnellaggio di 48 000 tonnellate.

Inoltre è equipaggiato con un altro miracolo della tecnologia militare sovietica, i missili balistici P-39, dotati di una gittata tale da poter raggiungere qualsiasi luogo negli Stati Uniti. Anche se l'"Akula" era equipaggiato solo con 20 missili contro i 24 della classe "Ohio", ognuno di questi vettori era armato con 10 testate nucleari capaci di colpire diversi obiettivi contemporaneamente. In pratica i sottomarini "Akula" sono equipaggiati con 200 testate nucleari mentre quelli americani ne hanno solo 192, scrive Mizokami.

L'URSS aveva in conto di costruirne otto, ma ne terminò la costruzione di soli 6. Adesso ne è rimasto in servizio solo uno nella marina russa, il "Dmitrij Donskoj" dice l'esperto.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала