Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Afghanistan, morti civili in operazione contro i talebani erano inevitabili

© Sputnik . Ajmal TareenAfghan 1
Afghan 1 - Sputnik Italia
Seguici su
A Kunduz, nell’Afghanistan nord-orientale, continua il lavoro della commissione d’inchiesta straordinaria sull’uccisione di civili nel corso di attacchi aerei delle truppe governative e degli Usa nel villaggio di Buz-e Qandaghari.

Nella notte del 3 novembre le forze nazionali afgane con il supporto delle truppe americane hanno lanciato un'operazione antiterrorismo contro i talebani a Buz-e Qandaghari. Nel corso dell'operazione sono stati uccisi anche 32 civili, di cui 12 bambini.

Il portavoce del Ministero della difesa afgano Davlat Vaziri in un'intervista a Sputnik Dari ha addossato la responsabilità dell'uccisione dei civili ai talebani, che li usano come scudi umani.

"Riconosciamo le perdite tra la popolazione civile. Si tratta di cittadini afgani. Sono morti da martiri. Il Ministero della difesa li rimpiange. Abbiamo annientato i pericolosi ‘colonnelli' dei guerriglieri talebani…che pianificavano un nuovo attacco a Kunduz. Insieme ai guerriglieri sono morte le loro famiglie, inclusi i bambini. Questo è successo perché essi vivevano nel quartier generale dei talebani".

Secondo Vaziri, nell'operazione sono stati uccisi 30 talebani, di cui 10 "colonnelli".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала