Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Le Nazioni Unite come un parco giochi per informazioni e tornaconto dei politici

© REUTERS / Denis BalibouseONU
ONU - Sputnik Italia
Seguici su
Lukjanzev è convinto che "il ruolo di responsabile" delle Nazioni Unite sia quello di creare le condizioni per un dialogo paritario tra gli Stati e realizzare "il più possibile la piena applicazione dei diritti umani in tutti i Paesi del mondo".

Il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani sta diventando uno strumento di promozione degli interessi dei singoli Stati, ha detto il vice direttore del dipartimento per i diritti umani del Ministero degli esteri russo Grigorij Lukjanzev.

"Siamo costretti a constatare che l'ordine del giorno del Consiglio è diventato uno strumento di promozione a breve termine degli interessi dei singoli Stati e gruppi. I dibattiti sempre più spesso si trasformano in missaggi sui conti politici, sulla guida e sulla diffamazione degli Stati. Inoltre, c'è un irragionevole squilibrio geografico in materia di diritti umani sulle situazioni di altri Paesi, che non riflette tendenze reali ma piuttosto è il risultato di un ordine politico" ha detto Lukjanzev, parlando ad una riunione dell'assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Protesters rally against the UN Security Council Resolution and air strikes by coalition headed by Saudi Arabia - Sputnik Italia
Consiglio dei “Diritti Umani” dell’ONU: la Russia fuori, l’Arabia Saudita dentro
Lukjanzev è convinto che "il ruolo di responsabile" delle Nazioni Unite sia quello di creare le condizioni per un dialogo paritario tra gli Stati e realizzare "il più possibile la piena applicazione dei diritti umani in tutti i Paesi del mondo".

Nel corso delle ultime elezioni, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite non ha ammesso la Russia nel Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani. Russia, che reclamava il suo posto come membro della Commissione diritti umani dall'Europa Orientale, ha ricevuto 112 voti. Alla fine i due posti in consiglio dell'Europa dell'est nel 2017 sono andati alla Croazia (114 voti) e all'Ungheria (144).

Lukjanzev si è congratulato con i rappresentanti degli Stati che sono stati eletti la scorsa settimana e ha espresso la speranza che "daranno il loro contributo allo sviluppo di una costruttiva collaborazione per la promozione e la protezione dei diritti umani sanciti come universali dai documenti internazionali".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала