Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Svenska Dagbladet: dietro le quinte l'Unione Europea è attivamente in contatto con Mosca

Seguici su
Secondo il giornalista, nel 2014, 20 dei 28 Paesi dell'Unione hanno inviato a Mosca le loro delegazioni con Presidenti o altri Ministri, per incontrare le autorità russe.

Contrariamente all'isolamento di cui si parla, dopo l'adesione della Crimea alla Russia e l'introduzione delle sanzioni, la maggior parte dei Paesi dell'Unione Europea invia costantemente i suoi delegati a Mosca, scrive il quotidiano Svenska Dagbladet.

Ufficialmente i Paesi membri dell'Unione Europea sostengono un fronte unico con sanzioni e retorica dura nei confronti della Russia. Dietro le quinte no, dice l'autore dell'articolo, il giornalista Jonas Gummesson.

Si ricorda che prima dell'ultimo vertice UE, molti si sono esposti per l'introduzione di nuove sanzioni contro la Russia e questa volta a causa della Siria. Nessun risultato è stato ottenuto, osserva l'autore. Le sanzioni a causa dell'Ucraina e della Crimea restano. Tuttavia, molti Paesi europei rifiutano questa politica.

Secondo il giornalista, nel 2014, 20 dei 28 Paesi dell'Unione hanno inviato a Mosca le loro delegazioni con Presidenti o altri Ministri, per incontrare le autorità russe. In particolare, i leader di sei Stati europei hanno incontrato il Presidente Putin: quelli della Repubblica Ceca, Francia, Cipro, Austria, Finlandia e Grecia. Inoltre ci sono stati incontri dei Primi ministri e Ministri degli esteri.

Il giornalista richiama l'attenzione sul fatto che in soli due anni le visite sono state circa 40, cioè alcuni Paesi hanno fatto visite ufficiali più di una volta. In questo modo, i dati raccolti da Svenska Dagbladet dicono che la Russia non sembra un Paese che si trova in isolamento.

Il giornalista scrive che la Svezia è uno dei pochi Paesi europei che ha congelato i rapporti con la Russia dopo gli eventi del 2014, tuttavia, il Ministro degli Esteri Margot Wallström è già intervenuta per ripristinare i contatti con Mosca. Con lo stesso intento è intervenuto il Primo ministro Stephen Leuven.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала