Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tostapane contro essiccatoi: Times deride "l'isteria antirussa" dell' Occidente

© AFP 2021 / Stefan WermuthPhilip Hammond
Philip Hammond - Sputnik Italia
Seguici su
"L'isteria" per gli "hacker russi" è iniziata negli USA. Le autorità americane all'inizio di ottobre hanno accusato la Russia di aver hackerato i sistemi informatici del Partito Democratico.

L'autore del giornale britannico Times, Patrick Kidd, ha ridicolizzato l'isteria occidentale per gli attacchi hacker presumibilmente organizzati dalla Russia.  

In precedenza il Capo del Ministero delle finanze britannico, Philip Hammond, ha detto che la gran Bretagna ha destinato 1,9 miliardi di sterline per rafforzare la difesa informatica del Paese, per proteggerla da "ostili giocatori stranieri". Il funzionario non ha detto Russia direttamente, "a quanto pare, dal timore che lo stessero ascoltando", ma era chiaro che Paese aveva in mente, osserva Kidd.

"La Russia, anzi, mi scusi, i giocatori stranieri, ci attaccano attraverso "l'internet delle cose", scrive l'autore. Ad esempio, "Mosca potrebbe organizzare un attacco ai frigoriferi inglesi, per far deragliare il Centro di comunicazione del Governo, o ordinare tanti ceppi di lattuga attraverso internet, tanta lattuga che gli inglesi non saranno mai in grado di finirla", ironizza Kidd.

"Quando questo accade, ha detto Hammond, la Gran Bretagna deve essere pronta a rispondere con lo stesso spirito. Se la Russia inizierà una nuova guerra fredda con l'invasione dei nostri frigoriferi, dobbiamo in rappresaglia colpire i loro essiccatori. Chiamate l' MI6: il tostapane che mi ha appena guardato malignamente ha detto "na zdorovie", quando ci ho messo dentro una fetta di pane" si legge sul Times.

"L'isteria" per gli "hacker russi" è iniziata negli USA. Le autorità americane all'inizio di ottobre hanno accusato la Russia di aver hackerato i sistemi informatici del Partito Democratico. Il Partito Democratico ha dichiarato che Mosca avrebbe cercato di influenzare il risultato delle elezioni. Le autorità non hanno saputo presentare prove per sostenere queste loro affermazioni.

Il Presidente russo, Vladimir Putin, commentando le accuse, ha detto che tra i dati pubblicati non c'è nulla nell'interesse di Mosca, e l'isteria aiuta a distogliere l'attenzione dal contenuto dei documenti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала