Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il Giappone prepara la fuga dagli USA?

© REUTERS / Toru HanaiIl premier del Giappone Shinzo Abe
Il premier del Giappone Shinzo Abe - Sputnik Italia
Seguici su
A quanto pare, Putin fondamentalmente è d'accordo ma anche il Giappone deve fare grandi passi verso la Russia e costruire una partnership strategica con la Russia. Questo significherebbe che il Giappone dovrebbe rompere con gli USA e passare nella sfera di influenza politica russa.

Isole Curili - Sputnik Italia
Giappone, Tokyo potrebbe riconoscere il diritto di Mosca su due delle isole contese
Il tema della disputa territoriale tra la Russia e il Giappone circa le isole Curili ha fatto evitare cooperazioni importanti nelle relazioni russo-giapponesi. Tutti le azioni e le dichiarazioni sono state percepite quasi esclusivamente nell'ambito della controversia sulle isole. Tuttavia, è previsto per dicembre 2016 una visita ufficiale del presidente Putin in Giappone, per condurre colloqui con il Primo Ministro del Giappone, Shinzo Abe.

In primo luogo, si parlerà di un compromesso sulla questione Curili. La gamma di opzioni è molto ampia, dal trasferimento delle due isole meridionali del Giappone, alle attività di collaborazione nelle isole mantenendo la sovranità russa. A quanto pare, Putin fondamentalmente è d'accordo ma anche il Giappone deve fare grandi passi verso la Russia e costruire una partnership strategica con la Russia. Questo significherebbe che il Giappone dovrebbe rompere con gli USA e passare nella sfera di influenza politica russa.

In secondo luogo, se così fosse, il prezzo sarebbe davvero  quello di cambiamento di orientamento politico del Giappone. E perché il Giappone dovrebbe accettare?

Perché è un Paese, che per molti decenni è stato ex alleato militare e uno dei principali partner commerciali americani, che ora ha capito di essere in un vicolo cieco. In Giappone ormai da più di 20 anni il tasso di sviluppo economico è basso, c'è la recessione. Secondo il noto economista giapponese Ito Takatosi, questo è accaduto per l'accordo del 1985, quando il Giappone ha accettato di aiutare gli Stati Uniti a raddrizzare il deficit commerciale, aumentando il tasso di cambio dello yen. Alla fine, i produttori giapponesi hanno perso la loro posizione competitiva e hanno ceduto ai mercati americani, questo ha causato la frenata di quella che era una volta una delle economie più forti del mondo.

Bandiera Giappone - Sputnik Italia
USA: 16 velivoli F-35B in Giappone nel 2017 in via permanente
Il Giappone, fortemente limitato militarmente dopo la Seconda guerra mondiale, si è affidato agli americani in materia di sicurezza. Ma la politica americana di sicurezza nel Nord-Est Asiatico è fallita. La Corea del Nord ha armi nucleari e minaccia il Giappone. Inoltre, in caso di inizio della guerra con la Corea, le basi americane in Giappone sono sotto minaccia nucleare. La politica americana nella regione non solo non garantisce sicurezza al Giappone, ma lo espone al rischio di essere trascinato in una guerra.

È ovvio che da un partenariato americano il Giappone ha da tempo ottenuto tutto quello che poteva e nulla di nuovo è previsto. Da questo punto di vista, è opportuno prendere in considerazione altre opzioni. C'è da notare che il Giappone da tempo conduce una politica nei confronti della Russia in contrasto con la politica di Washington.

Con la Russia, il Giappone otterrebbe la possibilità di aumento delle esportazioni, necessaria per il rilancio dell'economia, l'accesso alle materie prime, in primo luogo, di petrolio e di gas, ad un prezzo ragionevole. Inoltre, la rimozione o la significativa riduzione di minaccia di guerra con la Corea del Nord, perché, se le basi americane in Giappone fossero chiuse, il pericolo scomparirebbe. I benefici di un cambio di politica per il Giappone, in questo modo, sono tangibili.

Tale punto di vista può essere considerato stravagante, ma spiega perché i negoziati sono in svolgimento, nonostante il fatto che Abe e Putin abbiano espresso punti di vista diametralmente opposti per il problema delle Curili. Abe ha promesso in Parlamento che otterrà le Curili e Putin ha detto che sono territorio russo. Se in realtà si tratta di una fuga del Giappone dagli USA, le isole Curili in questo contesto sono una questione secondaria. In ogni caso, la visita di Putin in Giappone promette di essere molto interessante.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала