Nel mondo c'è un nuovo arbitro per le armi chimiche

© AFP 2022 / George OurfalianAleppo, Siria
Aleppo, Siria - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
In un'intervista i terroristi hanno ammesso che queste armi chimiche sono opera loro, sono armi ricevute dal loro sponsor, l'Arabia Saudita, che è dietro all'ordine di tali azioni.

Gli Stati Uniti chiedono alla Russia e all'Iran di assumersi la responsabilità per l'impiego di cloro, che hanno dimostrato utilizzato dalle autorità siriane, ha detto Ned Price, portavoce del Consiglio di Sicurezza nazionale della casa Bianca.

Secondo la dichiarazione di Price, l'ultimo rapporto delle Nazioni Unite e dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, dimostra l'utilizzo di cloro come arma chimica da parte delle autorità della Siria.

"Un nuovo rapporto mette in luce tre incidenti, durante il quale è stato utilizzato il cloro e fornisce dettagli sulla modalità di uso e sui responsabili" ha detto Price.

Il giornalista radiofonico di IRI in Siria Hassan Shemshadi in un'intervista a Sputnik Persia ha definito le dichiarazioni di Price come un gioco e una manovra politica:

"Per questi 5 anni e mezzo di crisi siriana gli Stati Uniti stanno cercando in ogni modo di proiettare scenari sul fronte siriano seguendo i loro piani e cercano di screditare agli occhi del pubblico mondiale il Governo ufficiale di Damasco, per spingere il Consiglio di Sicurezza dell'ONU e l'OPAC a fare pressione sul Governo siriano. Anche qui è attribuito agli americani il tentativo di mettere i capi militari siriani e i soldati dell'esercito contro le loro autorità.

Tra i reati commessi da USA e i loro alleati contro Damasco possiamo attribuire false accuse contro il Governo siriano e il suo esercito, che avrebbe usato armi chimiche contro il suo civili. Ma ricordiamoci la cronologia degli eventi. All'inizio della crisi chi per la prima volta ha parlato di armi chimiche sono stati gli stessi gruppi terroristici. Inoltre, in Internet è stato diffuso un video in cui si vede come i terroristi usino gas tossici sui conigli. Quei miliziani hanno minacciato, con l'aiuto di quell'arma, la distruzione delle autorità siriane, del Governo, dell'esercito e dei sostenitori di Bashar al-Assad.

Dopo circa due mesi, nella zona di Khan al-Asal, in un sobborgo di Aleppo che è stato occupato dai terroristi, sono state usate armi chimiche, le vittime erano decine di innocenti cittadini. Ora  Bashar al-Assad e il suo esercito sono accusati di questi crimini inumani. Damasco immediatamente allora ha ordinato al consiglio di sicurezza dell'ONU e al Comitato OPCW di organizzare un gruppo di ispettori indipendenti, che avrebbero indagato ad Aleppo per individuare i veri colpevoli. L'arrivo degli ispettori è arrivato dopo un anno e 3 mesi. Quando gli ispettori sono arrivati a Damasco, in un sobborgo della capitale, nelle immediate vicinanze dalla loro posizione, è stato ancora una volta fatto uso delle armi chimiche contro la popolazione civile. C'erano centinaia di morti e feriti.

Nessuno di buon senso può credere a una tale menzogna, che il Governo siriano nel corso dell'anno, che ha permesso ingresso degli ispettori nel Paese, abbia fatto uso di armi chimiche. Ma di nuovo tutte le accuse in questo reato adesso cadono sul Governo siriano. Ricordiamo come alcuni giornalisti dei media occidentali hanno potuto parlare direttamente con i militanti di gruppi terroristici.

In un'intervista i terroristi hanno ammesso che queste armi chimiche sono opera loro, sono armi ricevute dal loro sponsor, l'Arabia Saudita, che è dietro all'ordine di tali azioni. Inoltre, i reagenti necessari per questa arma, sono stati anche portati in Siria con l'assistenza dei sauditi. Tutto questo "piano siriano" di cui si parla è a beneficio solo di coloro i quali vogliono che continui questa guerra che dura da tanti anni e dicono cose solo nel loro interesse, ma non dicono la verità.

Questo accade ogni volta quando l'esercito governativo sta facendo progressi sul fronte per combattere i terroristi. Per esempio, quando di recente l'esercito governativo insieme con i suoi alleati, la Russia e l'Iran, ha progredito sul terreno e si sono di nuovo sentite queste vecchie canzoni, ovvero le accuse al Governo di Bashar al-Assad dell'uso di armi chimiche contro civili del suo Paese. Vedremo altri strenui tentativi di fare pressione su Damasco e soprattutto sui suoi alleati. Questo ci dimostra che i terroristi e i loro sponsor si indeboliscono, perdono posizioni. E non possono fare altro che screditare il Governo e l'esercito agli occhi del pubblico mondiale, mentire in ogni modo, soprattutto quando l'esercito siriano e i loro alleati nella regione compiono con successo operazioni contro i terroristi, una dopo l'altra. Quindi tutte queste accuse, questi trucchi e gli strumenti della loro politica, sono la guerra d'informazione che conducono contro l'esercito siriano e i suoi alleati. Ma come nei precedenti 5 anni, sono sicuro, non saranno in grado di raggiungere nessun risultato".

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала