Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Wikileaks, consigliere Clinton la critica per i suoi commenti su Putin

© Sputnik . Vitaly PodvitskyHillary Clinton Wikileaks
Hillary Clinton Wikileaks - Sputnik Italia
Seguici su
Il consigliere politico della candidata alla presidenza USA Hillary Clinton ha definito “ingenui” i suoi commenti sul presidente russo Vladimir Putin, pubblicati su Wikileaks.

In precedenza Wikileaks ha pubblicato delle mail tra Clinton e la corporazione Goldman Sachs del 4 luglio 2013 dove lei elogiava Putin, dichiarando di voler continuare a costruire relazioni positive con la Russia. Poi la stessa Clinton ha definito che è "ovvio che ci piacerebbe molto avere un rapporto positivo con la Russia in modo che Putin si ponesse meno sulla difensiva in termini di relazioni con gli stati UNITI". Secondo lei, questo avrebbe permesso ai due paesi "collaborare su alcune questioni".

Rilevante il fatto che nello stesso anno, parlando in una delle organizzazioni ebraiche a Chicago, Clinton ha dichiarato che "Putin è sempre interessante". Alla società di consulenza internazionale Sanford Bernstein nel mese di maggio 2013 Clinton ha nominato Putin come un "divertente e interessante interlocutore".

Hillary Clinton - Sputnik Italia
WikiLeaks accusa, direzione di Google al servizio di Hillary Clinton

All'inizio della corrispondenza, datata a gennaio, un membro dello staff elettorale della Clinton, Tony Kark manda agli altri membri un testo con tre discorsi della Clinton con le citazioni più importanti. Il consigliere politico della Clinton Mandy Grunwald definisce i discorsi "abbastanza scadenti".

"Nei discorsi c'è materiale sulla politica estera, nei quali suonano davvero ingenui i commenti su Putin. Ci sono innumerevoli problemi nei discorsi, ma Jake Sullivan, consigliere per la politica estera della Clinton, continua a considerarli buoni" scrive la Grunwald.

Hillary Clinton - Sputnik Italia
Wikileaks pubblica nuovi messaggi privati di Hillary Clinton

All'inizio di ottobre il fondatore di Wikileaks Julian Assange, durante una videoconferenza a Berlino ha promesso che alla fine di quest'anno pubblicherà "dati significativi" sulle amministrazioni e le elezioni di tre stati USA. La prima parte della pubblicazione riguardante la corrispondenza di Podesta è avvenuta l'8 ottobre.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала