Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Siria, la verità sulla bambina ferita nel bombardamento russo-siriano inventato dai media

© SputnikAhd Al-Khaderi
Ahd Al-Khaderi - Sputnik Italia
Seguici su
La ragazzina di Aleppo, vittima, secondo molti media, di un bombardamento russo-siriano, è in realtà rimasta ustionata in un incendio scoppiato in casa a causa di una candela rimasta accesa.

Sputnik ha visitato l'ospedale dove è in degenza Ahd Al-Khaderi, per scoprire la verità su ciò che è davvero accaduto.

Il padre di Ahd, Alaa Al-Khaderi, ha spiegato che vivono in una zona di Aleppo controllata dell'esercito siriano.Un fatto questo che esclude a priori la possibilità di essere stati colpiti dai russi o dai siriani.

"Mio figlio di sei anni, morto nell'incendio, si era svegliato presto quella mattina e, mentre tutti dormivamo, ha acceso una candela per recarsi al bagno. Distrattamente, però, ha dimenticato di spegnerla quando è tornato in camera. Poco dopo la mia figlia maggiore è stata svegliata dall'odore del fumo. Urlando ha svegliato la madre che, in preda al panico, invece di scappare con i bambini, è andata a chiamare i vicini di casa per chiedere aiuto. Ma l'aria entrata quando ha aperto la porta ha contribuito al rapido diffondersi delle fiamme nell'appartamento. Mia figlia maggiore è riuscita a scappare, mentre Ahd e suo fratello sono rimasti intrappolati all'interno. Con i vicini siamo riusciti a salvare solo Ahd, che è stata immediatamente ricoverata in ospedale con ustioni di terzo grado."

Alaa è rimasto scioccato quando gli amici gli hanno mostrato le foto di Ahd trasmesse dai media e utilizzate per confezionare la falsa notizia di un bombardamento sui civili ad opera di Mosca e Damasco.

"Mi hanno fatto vedere le foto di mia figlia negli articoli che parlvano di una ragazzina siriana rimasta ferita in un raid aereo russo-siriano. Voglio ricordare che le fotografie dei bambini non dovrebbero essere un mezzo di propaganda durante la guerra… questa maledetta guerra! E non è possibile usare le foto dei nostri figli per i loro scopi."

Alaa al-Din Alou, il medico che assiste Ahd, ha riferito a Sputnik che la ragazza non è in pericolo di vita e le sue condizioni sono stabili.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала