Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Karasin: il ritiro delle forze in Donbass è in fase di completamento

© AFP 2021 / SERGEY POLEZHAKAColonna esercito ucraino nel Donbass
Colonna esercito ucraino nel Donbass - Sputnik Italia
Seguici su
Nonostante l'armistizio, gli scontri a fuoco continuano.

A Mosca si presuppone che il ritiro delle forze e dei mezzi in Donbas nei quartieri di Petrovskij e Zolotij sia in fase di completamento, ha detto a Ria Novosti il segretario di Stato e vice Ministro degli Easteri Gregorij Karasin.

"A partire dalla sera del 3 ottobre, come è stato concordato, è cominciato il ritiro delle forze armate e siamo vicini al completamento dell'operazione a Petrovskij e Zolotij. A Lugansk le forze armate ucraine non hanno ancora ricevuto alcuna istruzione da Kiev" ha detto, commentando il mancato messaggio di ritiro delle forze da Petrovskij.

Il gruppo di contatto per la risoluzione della situazione in Ucraina il 21 settembre ha firmato a Minsk una decisione concordata per il ritiro delle forze e dei mezzi delle parti in conflitto in Donbass. Il ritiro sarebbe dovuto iniziare il primo ottobre da tre località: Petrovskij a Donetsk, a Lugansk e a Zolotij, nella regione di Lugansk. Tuttavia, questo processo non è stato completato. Le parti si sono accusate a vicenda di aver violato la tregua in questi siti.

Ieri i combattenti dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk hanno completato il ritiro delle forze dalla linea di fuoco a Petrovskij. In seguito il rappresentante del Centro per il Controllo e il Coordinamento del cessate il fuoco ha riferito che l'esercito ucraino aveva aperto il fuoco nel quartiere Petrovsky. Come conseguenza, le milizie della DNR hanno ripreso le loro precedenti posizioni.

Kiev ancor prima è stata accusata di interrompere il ritiro delle sue forze armate. Il ministero della Difesa della DNR ha dichiarato che la Repubblica popolare ha rispettato l'accordo per il ritiro dell'esercito, come hanno registrato i rappresentanti della missione OSCE e del Centro Controllo di coordinamento per il cessate il fuoco.

Le autorità ucraine hanno dato il via nel mese di aprile 2014 ad un'operazione militare contro le autoproclamate Repubbliche della DNR e LNR che hanno dichiarato la loro indipendenza dopo il golpe in Ucraina nel mese di febbraio 2014. Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, le vittime del conflitto sono diventate più di 9.600.

Tentativi per risolvere la situazione in Donbass sono stati messi sul tavolo anche durante le ultime riunioni del gruppo di contatto a Minsk, che da settembre 2014 ha redatto già tre documenti per regolamentare le operazioni di de-escalation del conflitto. Tuttavia, nonostante gli accordi di armistizio tra le parti in conflitto, gli scontri a fuoco continuano. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала