Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Russia, premier Medvedev ritiene possibile ulteriore taglio del costo del denaro

© Sputnik . Ekaterina Shtukina / Vai alla galleria fotograficaDmitry Medvedev
Dmitry Medvedev - Sputnik Italia
Seguici su
Il primo ministro Dmitry Medvedev ritiene che ci siano le condizioni per un'ulteriore riduzione del tasso d'interesse da parte della Banca Centrale Russa.

Durante l'ultima riunione del Consiglio direttivo della Banca Centrale, è stato deciso di abbassare il costo del denato fino al 10%. Allo stesso tempo il regolatore ha lanciato un forte segnale secondo cui nel caso di realizzazione dello scenario macroeconomico previsto il successivo taglio dei tassi non sarebbe avvenuto prima della prima metà del 2017.

"Al momento possiamo affermare che l'aumento dei prezzi ha rallentato, l'inflazione è più bassa: questo dà motivo di ritenere che in tempi relativamente brevi sarà possibile parlare di un'ulteriore riduzione dei tassi di interesse bancari, tra cui il tasso di riferimento della Banca Centrale", — ha detto Medvedev in un'intervista su Pervy Kanal.

"E' chiaro che la Banca Centrale decide in autonomia, ma comunque con la conservazione di questa tendenza è chiaro che il tasso di riferimento è destinato a scendere. In questo caso arriveremo a più accettabili, direi moderni e civili, tassi dei mutui per la casa", — ha detto il premier.

Ha inoltre aggiunto che il governo continuerà a sostenere i programmi che consentono di ottenere un mutuo a condizioni più accessibili.

Il tasso di riferimento è la percentuale con cui la Banca Centrale presta denaro alle banche commerciali. Svolge un ruolo chiave nella definizione dei tassi di interesse sui prestiti al consumo per i cittadini e influisce sul livello di inflazione nel Paese.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала