“Le esercitazioni militari hanno messo in chiaro che la Russia non cederà la Crimea”

Seguici suTelegram
Parte delle manovre svoltesi in Crimea nell'ambito delle esercitazioni militari russe “Caucaso-2016” ha attirato l'attenzione dei media occidentali.

Durante le manovre su larga scala, le truppe russe dovevano respingere un attacco contro la penisola: secondo i media occidentali, è stato "un chiaro segnale" lanciato da Mosca.

"Dimostrando la sua forza militare, la Russia manda un chiaro segnale in base a cui un eventuale attacco contro la Crimea verrà respinto," — scrive il britannico Daily Mail.

"Carri armati e veicoli blindati sbarcavano dalle navi, ma sono stati accolti da forze di difesa superiori e dall'artiglieria pesante" — commenta il giornalista del New York Times.

"Più di un centinaio di aerei ed elicotteri, circa 12mila soldati e missili da crociera d'attacco "Kalibr" coinvolti nelle esercitazioni non lasciano dubbi sulla forza delle truppe," — si rileva nell'articolo.

Il giornale cita il parere del direttore del Centro di Mosca per l'analisi strategica e tecnologica Ruslan Pukhov, che ha paragonato la Crimea russa con una "portaerei inaffondabile". Secondo lui, la penisola consentirà a Mosca di rafforzare il suo potenziale militare nel Mar Nero.

"La Russia è il padrone egemone indiscusso nel Mar Nero, soprattutto in un momento in cui la Turchia è essenzialmente fuori dai giochi," — ha detto l'analista.

Il Financial Times scrive che le esercitazioni fanno parte di un programma a lungo termine di Mosca per rafforzare i confini con l'Ucraina.

"Questa è la fase iniziale del programma, in base al quale saranno seriamente limitate le capacità militari dell'Ucraina ed i suoi margini di manovra," — ha dichiarato al giornale un rappresentante militare di un Paese non precisato.

Alcuni giornalisti, in particolare il corrispondente della CNN Fred Pleitgen, ha personalmente osservato le manovre dal poligono di Opuk situato nella penisola.

Secondo le sue impressioni, le truppe russe non sono mai state così ben equipaggiate dalla fine della guerra fredda. Le stesse esercitazioni vengono considerate "una grande prova di forza."

"La Russia dà un segnale molto chiaro con queste esercitazioni su larga scala e altamente complesse. Le sue forze belliche trincerate in Crimea sono in qualsiasi momento pronte a combattere", — ha detto il giornalista.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала