Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Uso base iraniana da parte della Russia "non viola risoluzioni Onu"

Seguici su
Così il senatore russo Kosachev risponde al Dipartimento di stato Usa secondo cui l'impiego della base è in violazione della risoluzione 22311 sulle forniture di materiale militare all'Iran

Caccia russo Su-34 in volo - Sputnik Italia
Siria, più di 150 terroristi uccisi dai raid russi partiti dall'Iran
L'impiego da parte della Russia della base iraniana di Hamadan dalla quale partono i raid aerei contro le postazioni dei terroristi in Siria non avviene in violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite relative all'Iran. Lo ha affermato il senatore russo Konstantin Kosachev, presidente del comitato federale per gli Affari esteri.

Durante un briefing con la stampa martedì, il portavoce del Dipartimento di stato americano Mark Toner aveva definito "infelice" l'impiego della base da parte delle forze russe, aggiungendo che tale impiego potrebbe violare la risoluzione 22311, che mette fuorilegge le forniture di materiale militare all'Iran senza previa approvazione delle Nazioni unite.

Kosachev, sulla sua pagina Facebook, osserva:

"Nel paragrafo cinque dell'allegato B della risoluzione, si afferma che se la fornitura di equipaggiamenti militari all'Iran è fatta, e cito, 'all'Iran perché l'Iran ne faccia uso o ne tragga beneficio', in tal caso sarebbe necessaria una previa approvazione del Consiglio di sicurezza. Ma lasciatemelo chiedere: cosa ha a che fare questo con il fatto che i caccia russi utilizzino la base situata sul territorio iraniano per effettuare raid aerei contro lo Stato Islamico e Jabhat Nusra (noto ora anche come Jabhat Fatah al Sham) nelle provincie siriane di Aleppo, Deir ez-Zor e Idlib?".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала