Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Giappone mostra muscoli alla Cina: dislocherà lanciamissili per difesa isole periferiche

© AP Photo / Xinhua, FileUna delle isole al centro della disputa tra Cina e Giappone nell'arcipelabio Senkaku (in giapponese) e Diaoyu (in cinese).
Una delle isole al centro della disputa tra Cina e Giappone nell'arcipelabio Senkaku (in giapponese) e Diaoyu (in cinese). - Sputnik Italia
Seguici su
Il governo giapponese sta pianificando lo schieramento di sistemi lanciamissili mobili nelle isole Sakishima della prefettura meridionale di Okinawa per aumentare il livello di difesa dei suoi territori periferici nel Mar Cinese Orientale, comprese le contese isole Senkaku con Pechino (nome cinese Diaoyu).

Come scritto oggi dal giornale "Yomiuri", la gittata dei nuovi missili "superficie-superficie" sarà di circa 300 chilometri, sufficiente per difendere le isole periferiche.

Le spese previste per la realizzazione di questo progetto verranno incluse nella finanziaria del 2017 (a partire dal 1° aprile 2017) e il dispiegamento dei sistemi missilistici mobili sarà completato entro il 2023.

Il programma per il miglioramento del livello di sicurezza delle isole remote era stato incluso nel piano rivisto per la nuova sicurezza nazionale del 2013, mentre lo scorso aprile è entrata in vigore la legge sul loro sostegno economico.

Le isole Senkaku (isole Diaoyu) sono oggetto di una contesa territoriale tra la Cina e il Giappone dagli anni '70. Il Giappone sostiene di occupare le isole dal 1895, che fino a quell'anno non appartenevano a nessuno. Pechino insiste sul fatto che le isole erano state incorporate nell'Impero cinese 600 anni fa. Dopo la Seconda Guerra Mondiale le isole sono finite sotto il controllo degli Stati Uniti, che successivamente nel 1972 le hanno riconsegnate al Giappone insieme con l'isola di Okinawa.

Sia la Cina sia Taiwan sono convinte che il Giappone occupi le isole illegalmente.

La contesa territoriale si è riaccesa a metà del 2012, quando il governo giapponese ha annunciato la nazionalizzazione delle isole. A seguito della decisione di Tokyo in Cina si è registrata un'ondata di manifestazioni anti-giapponesi, mentre la leadership di Pechino ha manifestato la volontà di utilizzare qualsiasi mezzo per proteggere l'integrità territoriale e la sovranità della Cina sulle isole.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала