Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Perchè Kiev nega coinvolgimento nel tentativo di destabilizzare la Crimea?

© Sputnik . Konstantin Mihalchevsky / Vai alla galleria fotograficaNatalia Poklonskaya
Natalia Poklonskaya - Sputnik Italia
Seguici su
Le autorità ucraine continuano a negare qualsiasi addebito relativamente alla preparazione di azioni di sabotaggio o attacchi terroristici in Crimea dal momento che la loro posizione vile non permette di ammetterlo, ha dichiarato il procuratore della penisola Natalia Poklonskaya.

"Tutto questo rispecchia il lato criminale delle attuali autorità dell'Ucraina. Sin dall'inizio, quando hanno preso il potere attraverso un colpo di stato, hanno mostrato il loro volto ed ora confermano la loro posizione vigliacca. Non hanno nemmeno il coraggio di ammettere quello che hanno fatto," — ha affermato la Poklonskaya.

Secondo lei, le autorità ucraine in silenzio agiscono di proposito con cattive intenzioni, dopodichè cercano di prendere le distanze.

"Questo è il volto delle autorità, non del Paese nel suo complesso, la popolazione ucraina già non le sopporta più e non le riconosce legittime, per questo hanno paura, giustamente perché la gente non si fa imbrogliare, è paziente, ma ben presto la pazienza del popolo ucraino finirà," — ha sottolineato la Poklonskaya.

Secondo lei, nessun popolo ha bisogno di leader terroristi o assassini.

"Stanno uccidendo il proprio popolo nel sud-est del Paese, uccidono cittadini ucraini, mentre in Crimea c'è tranquillità e si gode del fatto che ci sono pace ed ordine. Sulla Crimea hanno una posizione vigliacca e mostrano un volto vile", — ha detto la Poklonskaya.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала