Turchia, Gentiloni: ripresa relazioni con Mosca può essere un fattore positivo

© AFP 2022 / VASILY MAXIMOV Paolo Gentiloni
Paolo Gentiloni - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, nel corso di un’audizione sugli esiti del Vertice Nato di Varsavia e sul ruolo dell'Italia in ambito europeo e internazionale, anche alla luce degli ultimi eventi in Turchia e dei recenti attentati terroristici.

"Mi auguro che la recente ostentazione con la Russia di Putin sia un fattore distensivo dei rapporti tra Mosca e Ankara, che a noi sta bene e può essere un fattore molto positivo per alcune crisi locali".

Sulla lotta al terrorismo ha dichiarato, che "nessuno può sentirsi immuni dalla minaccia terroristica", "noi in questo mese abbiamo avuto 15 vittime italiane (nove in Bangladesh e sei a Nizza). L'Europa è stata attaccata quando il Daesh era molto forte ed è stata attaccata quando si è indebolito, quasi disperato".

"Il terrorismo, o almeno il Daesh, sta chiaramente perdendo terreno, e mentre perde terreno assistiamo da un lato all'allargarsi dell'arco della crisi, e dall'altro assistiamo al fatto che si continua a colpire in Europa. Questo provoca preoccupazione e domanda di sicurezza. Come rispondiamo noi? Cercando innanzitutto di gestire e spegnere i focolai di crisi".

Il presidente iraniano Hassan Rohani - Sputnik Italia
L'Iran parte dall'Italia per entrare nel mercato energetico dell'Europa
"L'Italia è in prima fila, stiamo recuperando un ruolo che non abbiamo svolto nella crisi sul nucleare iraniano. Oggi l'Italia può rivendicare di aver seguito una linea di grande coerenza sulla Siria: abbiamo sempre detto che non esisteva una soluzione militare ma solo diplomatica. E abbiamo aggiunto che sarebbe stato molto difficile immaginare una transizione della crisi siriana senza coinvolgere la Russia, e questa è oggi la principale linea dei paesi occidentali. Nei prossimi giorni se ci sarà un'intesa tra Russia e Usa, questa potrebbe fermare i bombardamenti indiscriminati di Assad, consentire di combattere insieme anche al-Nusra, di fermare l'assedio di Aleppo e di avviare i negoziati".    

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала